Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.010.426
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Lunedì 08 luglio 2019 alle 08:02

V.Greppi: annunciato il ''ritorno a casa'' a ottobre del festival La Passione per il delitto

La suspense in vista dell'incontro di domenica 7 luglio organizzato dal Consorzio Brianteo Villa Greppi alla presenza dello scrittore e giornalista Piero Colaprico e di Paola Pioppi (presidente dell'associazione culturale "Passione per il Delitto", ndr) può dirsi finalmente sciolta. In molti hanno fiutato cosa bollisse in pentola, per altri invece è stata una vera sorpresa: il celebre festival di narrativa poliziesca "La Passione per il Delitto" tornerà a svolgersi negli spazi di Villa Greppi.

Da sinistra il giornalista Piero Colaprico, Marta Comi (presidente Consorzio Villa Greppi)
e Paola Pioppi ideatrice del festival ''la Passione per il delitto''

Paola Pioppi ha preso la parola porgendo doverosi ringraziamenti a Lariofiere per aver continuato a credere nel festival e a sostenerlo per sette anni, ma a stento ha trattenuto la soddisfazione nel poter annunciare il ritorno a Monticello. "Un grandissimo ringraziamento va a Marta Comi (presidente di Villa Greppi, ndr) e al Consorzio perché l'idea di tornare qui, non so voi, ma a me è parsa come un vero e proprio ritorno a casa. Il festival è nato qui dentro e per dieci anni si è svolto e strutturato non solo in questo contesto, ma anche grazie a questo contesto" ha dichiarato Pioppi. La relatrice ha tracciato poi un breve excursus sulla storia del festival nato e affermatosi grazie alla fortunata intuizione di investire sulla narrativa di genere che nei primi del duemila ebbe un vero e proprio boom in Italia.

''Riportiamo a casa La Passione per il delitto, una rassegna nata a Villa Greppi e che torna dopo diversi anni - le parole di Marta Comi - Questo ci rende felici e orgogliosi e siamo certi che il clima culturale vivo e dinamico che Villa Greppi può offrire sarà da stimolo anche per un nuovo slancio di un progetto culturale così legato a questo territorio e che andrà a completare la programmazione culturale in ambito letterario del Consorzio Villa Greppi''.
Ideato da Paola Pioppi, con le sue 18 edizioni il festival di narrativa poliziesca La passione per il delitto è una delle manifestazioni più longeve in Italia dedicate alla narrativa di genere. Il suo debutto risale al 2002: 12 autori che si erano raccontati al pubblico all'interno del Granaio di Villa Greppi. È stata la prima di 10 edizioni che si sono svolte nella storica Villa, seguite dalle 7 di Lariofiere.

Negli anni la manifestazione è arrivata a ospitare anche una sessantina di nomi per ogni edizione, nel periodo in cui la narrativa di genere ha avuto il suo maggiore exploit di produzione editoriale. Sul palco del festival sono sfilati i nomi più celebri della narrativa di genere italiana e internazionale: tra questi, solo per citarne alcuni, Giorgio Faletti, Jeffery Deaver, Joe Lansdale, Maurizio De Giovanni, Piero Colaprico, Giancarlo De Cataldo, Valerio Varesi, Andrea G. Pinketts, Margherita Oggero, Sandrone Dazieri, Loriano Macchiavelli, Dominique Manotti, Elisabetta Bucciarelli, Massimo Carlotto, Marco Malvaldi, Leonardo Padura Funtes, Teresa Solana, Esmahan Aykol.

Al debutto del 2002 una delle dodici presenze autoriali è stata proprio quella di Piero Colaprico, presente all'appuntamento di domenica mattina a portare la sua testimonianza. Anche se si conoscono già le date della prossima e diciottesima edizione (19 e 20 ottobre 2019), il programma non è stato ancora definito nel dettaglio. Prima del festival ci sarà un ulteriore incontro per renderlo pubblico ai partecipanti storici e a tutti gli altri interessati.
D.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco