Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.369.102
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 31/10/19

Lecco: V.Sora: 32 µg/mc
Merate: 42 µg/mc
Valmadrera: 32 µg/mc
Colico: 35 µg/mc
Moggio: 68 µg/mc
Scritto Lunedì 08 luglio 2019 alle 15:23

Sirone: fermato per un controllo, magrebino trovano in possesso di droga. In manette

La sostanza stupefacente e il denaro sequestrato dai militari
I carabinieri di Oggiono, nel corso di un pattugliamento del territorio volto alla prevenzione di spaccio di stupefacenti, hanno fermato sabato 6 luglio a Sirone una Volkswagen Golf (risultata intestata ad un prestanome 54enne della provincia di Milano) guidata da Boumaaza El Ghazoni, un cittadino egiziano di 25 anni.
Nel vano porta oggetti del mezzo - a seguito di un controllo - hanno rinvenuto 35 grammi di sostanza stupefacente, identificata successivamente in cocaina, suddivisa in altrettanti involucri di circa 1 grammo ciascuno, oltre ad una somma contante di 515 euro, ritenuta provento dell'attività di spaccio.
Tentando di opporsi al controllo e all'ammanettamento operato dai due militari, l'uomo - già noto alle Forze di Polizia - ha provato ad allontanarsi con il proprio veicolo, spintonando e strattonando gli operanti, tentando anche di mordere il braccio di uno di loro.
Trascorse due notti in stato di fermo, il cittadino marocchino residente a Canzo -insieme alla moglie- è stato tradotto questa mattina in tribunale a Lecco per la convalida del fermo e per il processo con rito direttissimo.
Il Vpo Mattia Mascaro ha chiesto la misura cautelare del carcere per il soggetto, mentre l'avvocato Rosella Pitrone del foro di Como si è battuta per non comminare alcuna misura cautelare per il suo assistito e in subordine ha proposto al giudice Martina Beggio la detenzione domiciliare presso l'abitazione di Canzo.
Convalidando l'arresto dell'egiziano, il giudice ha disposto la misura cautelare dei domiciliari fino alla prossima udienza -fissata per il 23 luglio prossimo- avendo il legale dell'uomo chiesto i termini a difesa.
L'operazione si colloca nel contesto della più ampia attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti che da tempo i carabinieri del Comando Provinciale stanno eseguendo, con particolare riferimento alle zone maggiormente frequentate da giovani dediti al consumo di droghe.
B.F.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco