Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.779.076
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Domenica 21 luglio 2019 alle 15:11

Cesana: festa alpina al Roccolo con padre Giorgio e gagliardetti ospiti per la messa


Festa alpina al parco Roccolo di Cesana Brianza. Ufficiosamente si è aperta nella serata di ieri con il concerto del corpo musicale san Fermo ma questa mattina, domenica 21 luglio, si è tenuta la cerimonia di apertura con la messa concelebrata da don Luigi e da padre Giorgio, proveniente dalla parrocchia san Giovanni Evangelista a Milano. Ad animare il momento c'è stata poi la corale Giuseppe Sacchi che ha accompagnato l'intera funzione. Al riparo dalla calura, immersi nel verde e con il rumore delle cicale in sottofondo, un buon numero di persone si è radunato presso la grotta all'interno dell'ampio spazio verde curato dagli alpini.


Foto di gruppo di un gruppo di alpini volontari

Hanno inoltre presenziato alla funzione i gagliardetti delle sezioni vicine e numerosi sindaci o rappresentanti delle amministrazioni limitrofe, l'onorevole Roberto Ferrari e il consigliere regionale Raffaele Straniero.
Con padre Giorgio, gli alpini di Cesana hanno dato il via a una nuova amicizia: sono stati loro ospiti presso l'adunata nazionale di Milano e poi lo hanno invitato, insieme ai ragazzi dell'oratorio, a trascorrere una giornata nel parco con affaccio sul lago di Pusiano.


La corale don Giuseppe Sacchi


Lo ha sottolineato il sacerdote all'inizio dell'omelia: "Sono tante cose che creano un tessuto di umanità e di amicizia che può solo far bene. Prima della messa stavamo parlando di questo bel parco, ben pulito e curato. Chi ci sarà domani a continuare quest'opera degli alpini? Vedo che anche in Trentino, la terra da cui provengo, sono questi gruppi di volontariato a trasmettere la dedizione e sono sicuro che i ragazzi non sono ciechi né sordi. C'è qualcosa di bello in questo, nel prendersi cura del territorio: sono valori che tengono insieme il tessuto sociale".


Padre Giorgio si è poi concentrato sulla parola del Vangelo. "Gesù sulla croce ha dato tanti insegnamenti. Ora sta donando la vita dicendo "è compiuto". Sotto la croce c'era gente che lo insultava, lo prendeva in giro e lui diceva di aver portato fino in fondo a compiere la missione del Padre. Quanti hanno compreso questo? Pochissimi". Il compimento, al termine di una missione, porta anche il collegamento diretto con la creazione. "Dopo sei giorni di creazione, il settimo Dio si riposa. Con Gesù avviene la nuova creazione. Quando Gesù dice "è compiuto", quella parola è detta anche per me che sono anche io lì, nell'opera di salvezza. Con Gesù riparte la possibilità di una nuova umanità". Il suggerimento del sacerdote è stato quello di fare tesoro e di realizzare la voce del Signore.


Gli amministratori presenti alla cerimonia

"Penso a tante persone come voi che ogni giorno, fedeli al proprio impegno di lavoro, famiglia, figli portano fino in fondo i doveri quotidiani, arrivando alla sera e dire "è compiuto", ho fatto anche oggi la mia parte. Magari nessuno oggi ci ha detto grazie, non sappiano quanti si siano accorti: in quel momento compiamo la parola di Gesù che ci dice di fare della nostra vita un gesto di dono. Allo stesso modo penso anche a tanti malati che arrivano a sera, dicendo "è compiuto". Questo "è compiuto" rende sacro il nostro impegno, dà forza a quello che viviamo, dà ragione. Anche voi attraverso il vostro impegno quotidiano potete rendere più bella la creazione e rinnovarla, come Gesù sulla croce. Com'è bello tutto questo: ci aiuta a diventare più fratelli, a fare passare le giornate della nostra vita".



Al termine della celebrazione, è stata letta la preghiera dell'alpino e c'è stato l'intervento del sindaco Eugenio Galli. "Un saluto a tutti voi che siete venuti così numerosi, alle persone, al coro e agli amministratori. Questa nostra e vostra presenza ricambia l'affetto verso gli alpini e perché attraverso la nostra amicizia loro possono fare tanto. La nostra riconoscenza è per l'impegno che mettono nella cura del parco, per noi cittadini ma anche per gli oratori che usufruiscono di questa oasi di verde". Il primo cittadino si è poi rivolto agli alpini: "Penso che tutti siano l'orgoglio e l'aiuto di tante amministrazioni. Loro raccolgono fondi ma animano anche il volontariato sociale. Dove c'è bisogno di aiuto, loro ci sono. Sono il salvadanaio del cuore, tante formiche laboriose a cui va il nostro pensiero. Sono una risorsa con i numeri e i valori giusto per essere protagonisti di un futuro di crescita collettiva".


Galli ha consegnato a padre Giorgio l'orobollo del paese mentre gli alpini hanno donato un'icona di Cristo in legno intarsiato.
La festa è proseguita presso la baita con il pranzo e si protrarrà per tutta la prossima settimana. Ogni sera sarà poi possibile cenare e sono previsti anche intrattenimenti. A partire da martedì 23 luglio si terrà il torneo di calcio per bambini (secondo trofeo Dental San Fermo) che si chiuderà sabato 27 luglio.


Da sinistra il vicesindaco Luisa Airoldi, un alpino, don Luigi, padre Giorgio (con il dono degli alpini),
il sindaco Eugenio Galli e il capogruppo degli alpini Ernesto Camerin

Nella serata di mercoledì 24 luglio ci sarà una dimostrazione di ginnastica artistica femminile curata dalla Gal Ghislanzoni Lecco. Domenica 28 luglio, infine, alle 12.30 si terrà il rancio alpino, seguito nel pomeriggio da dono ai bambini presenti mentre alla sera la consueta cena e la chiusura della festa intorno alle 22.30. Tutte le sere resterà in funzione il servizio bar e ristorante.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco