Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.688.119
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 01 febbraio 2020 alle 17:31

Un lettore, Missaglia: alberi ''capitozzati'' in centro paese. Era la soluzione più idonea?

Riceviamo e pubblichiamo il contributo di un nostro lettore precisando fin da ora che lo spazio resta a disposizione per eventuali repliche o precisazioni sul tema:

Buongiorno redazione,
vi scrivo questa lettera dopo aver notato l'operazione di taglio (pardon di potatura) che si è svolta in questi ultimi due giorni a Missaglia, ai danni di alcune piante presenti in aree pubbliche del paese.

In Via Merlini, vicino alla casetta dell'acqua e al nuovo supermercato, ma anche nei pressi della scuola primaria e del centro sportivo: una vera e propria capitozzatura (mi pare si dica così), con un risultato che a mio modesto parere va persino al di sotto della soglia di accettabilità per gusto estetico.
Il taglio radicale della chioma sembra aver reso irriconoscibili gli alberi, davvero brutti alla vista. Una soluzione secondo me parecchio discutibile: non sono un agronomo, ma mi è sembrato di capire che questa modalità di potatura causi un progressivo indebolimento della piante e di conseguenza una maggiore esposizione alle malattie. Una scelta che si potrebbe rivelare sul lungo periodo più costosa e meno sicura. E' davvero così? Lo chiedo agli esperti.

Per non parlare dell'ombra (che già scarseggiava) per la prossima primavera/estate; dopo questa operazione le foglie prodotte saranno ben poche e per le piante procurarsi energia attraverso la fotosintesi clorofilliana sarà molto più difficoltoso. E così la conversione dell'anidride carbonica in ossigeno, a tutto vantaggio dell'ecosistema, potrà attendere...chissà quanto.

Unica ragione che avrebbe giustificato questa capitozzatura sarebbe potuto essere lo stato di ammaloramento delle piante: non mi pare sia questo il caso, ma una conferma potrebbe arrivare soltanto dal Comune che presumo abbia autorizzato il taglio.
A occhio sembrano essere stati risparmiati soltano gli alberi presenti nel parcheggio di Piazzetta Teodolinda, il cui taglio forse era previsto questa mattina. Che le proteste di cittadini e residenti, via social e non solo, abbiano avuto la meglio?

Infine chiedo al Comune: non c'era alternativa a questa tecnica di potatura? Era proprio quella più idonea?
Ringraziandovi per l'ospitalità porgo cordiali saluti,
Un missagliese deluso
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco