Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.060.568
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 18 marzo 2020 alle 15:36

Cosa è essenziale per un essere umano?

Egregio sig. Direttore, gentili amici della Redazione,
ho fatto voto personale in questo frangente di non indulgere al sarcasmo e alla critica preconcetta da bastiancontrario: quando ho capito che i miei interventi stavano scivolando verso questa china, ho preferito buttarla in narrativa, dedicandomi ai racconti, perché almeno lì, nella fantasia, il Bene vince e i bimbi sorridono. Ma non riesco a stare zitto di fronte al fatto che in molti punti vendita della mia zona (la Brianza monzese) si verifichi la situazione paradossale di aree specifiche delimitate e vietate all'accesso: sono quelle in cui vengono esposti articoli considerati di non primaria necessità. Ora, mi chiedo cosa è essenziale per un essere umano? Perché io mi rifiuto di essere considerato solo come una creatura animale che mangia, dorme e caga, supina di fronte a uno stato etico: dicevo ieri in un'intervista in radio che alla fine di questo guado non basta arrivare salvi, bisogna anche arrivarci sani. Per tutti quelli che hanno bambini in casa, e per tutti quelli che vogliono ancora liberamente sentirsi bambini dentro, i pennarelli, i quadernoni, le matite colorate, le bambole, i mattoncini da costruzione, i giochi in generale sono un bene essenziale come il pane, le uova e la farina.
Considerato che si lasciano aperti i tabaccai - absit iniuria verbis -, mi chiedo se ci porteranno fuori da questo virus prima una bella tirata di nicotina o i sorrisi spensierati dei bambini.
E adesso mi ributto sulla novella, che questa sera alle 19.30 ho appuntamento con i lettori affezionati di Merateonline, Leccoonline, Casateonline: per arrivare alla fine di questo guado salvi, naturalmente sani, se possibile migliori.
Stefano Motta
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco