Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.425.232
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 22 giugno 2020 alle 18:38

Castello B.za: incursioni in baita e all'area feste di Prestabbio

Il periodo di lockdown dovuto alla pandemia ha visto una generale diminuzione di diverse tipologie di reato. Tuttavia, in alcune circostanze si sono verificati degli accessi non autorizzati ad aree pubbliche sottoposte a chiusura, così come delle vere e proprie effrazioni. Proprio quest'ultima è la situazione si è verificata nel comune di Castello Brianza con due tentativi separati, a quanto pare di furto, andati solo parzialmente a segno.

La baita alpini e l'area feste di Prestabbio

Presso la baita degli alpini è stata registrata una prima intrusione. Dei malintenzionati sono entrati nella struttura - situata all'interno del parco di via Monti in località Cologna - arrecando alcuni danni, mettendo in disordine parte di quanto si trovava all'interno e rompendo alcuni beni. Anche a seguito del fatto la casetta degli alpini risultava chiusa da tempo, proprio a causa della pandemia, e che normalmente al suo interno non vengono custoditi particolari beni di valore, i malintenzionati non hanno trovato praticamente nulla da sottrarre.
Una seconda scena analoga si è ripetuta questa volta in località Prestabbio. Ad essere finito nelle mire dei presunti ladri è stato lo stabile dell'area feste. Qui dei malintenzionati - forse gli stessi responsabili del tentativo di furto alla baita alpina - sono entrati rompendo un vetro di una porta che collega la cucina con la zona veranda, senza però, anche in questo caso, sottrarre materiale di valore.
Non è chiaro, al momento, se il sistema di videosorveglianza, presente in alcune zone del paese, sia riuscito a registrare elementi utili per individuare i malviventi.

L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco