Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 231.299.792
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 29 giugno 2020 alle 10:19

Missaglia, Covid: zero contagi e solo tre in isolamento. ''Ma l'emergenza non è finita''

Il sindaco di Missaglia, Bruno Crippa, ha fatto il punto rispetto all'evoluzione del contagio da Coronavirus in paese. Confortanti i dati sanitari: nessun cittadino positivo ad oggi e solo tre in isolamento, con i decessi che restano ormai da tempo fermi a nove, mentre i guariti sono ventotto. Eppure il primo cittadino ha invitato al senso di responsabilità, lanciando un monito soprattutto ad alcuni gruppi di giovani ''che sopraggiungono anche da fuori paese, fino alla notte profonda, soprattutto nei giorni di venerdì e sabato, senza il rispetto di alcuna regola di prevenzione''.
Di seguito il comunicato diffuso nelle scorse ore da Crippa:
Cari concittadini.
Inizia a vedersi la luce. Stiamo uscendo. Con la voglia di rialzarci e di ricostruire dopo esserci resi conto anche della fragilità umana.
Con dati ufficiali possiamo dire che nel nostro Comune NON CI SONO PIU’ persone contagiate da Coronavirus.
In quarantena cautelativa presso l’abitazione sono rimaste solo 3 persone. Stanno però terminando l’isolamento proprio in questi giorni.  Negativizzate o guarite sono 28. Restano 9 i deceduti. Da più di un mese, non si avvertono nuovi contagi.
Sappiamo però che l’emergenza sanitaria non è ancora risolta.
Lo dimostrano le misure di sicurezza che siamo stati costretti ad applicare per la realizzazione del CENTRO ESTIVO insieme alle  disposizioni di carattere igienico sanitarie.
Gli Uffici Pubblici, COMUNE compreso, devono ancora svolgere le proprie attività nel rispetto dei protocolli di sicurezza e su appuntamento. Dobbiamo riaprire via via crescendo alcuni spazi pubblici,  ma  con tutte le dovute cautele.
MASCHERINE E DISTANZIAMENTO sono ancora da utilizzare e da rispettare secondo le disposizioni anti Covid.
Non esorcizziamo in modo spavaldo il pericolo del contagio che ancora rimane.
Sappiamo che c’è tanto desiderio di tornare liberi e di assaporare i mesi estivi che aspettavamo tutti dopo la lunga chiusura affrontata in modo diverso a seconda dell’età.
Tuttavia resta ancora necessario una forte senso di RESPONSABILITA’ al quale faccio appello.
E' ripreso il divertimento, con un’eccitazione a volte eccessiva, in particolare da parte di alcuni gruppi giovanili, che sopraggiungono anche da fuori Paese, fino alla notte profonda, soprattutto nei giorni di Venerdì e Sabato, senza il rispetto di alcuna regola di prevenzione.
Non solo. Il giorno dopo si trovano rifiuti abbandonati, attrezzature rotte, cestini spaccati, con danni alla cosa pubblica.
Qui non si tratta di esplosione emotiva o di euforia che si potrebbero anche capire dopo l’appiattimento provato durante la reclusione, ma di gesti incomprensibili, di comportamenti sbagliati.
Sono azioni  disdicevoli che deturpano aree pubbliche, parcheggi e spazi privati: sono episodi di ignoranza e villania.
Comunque, al di là di questi fatti spiacevoli. C’è sollievo e tregua. Sì!  Impariamo da ciò che è successo per costruire un percorso nuovo con nuove idee.
Comportiamoci in modo equilibrato per essere pronti a rimetterci in cammino. Convinti.

Il Sindaco Bruno Crippa
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco