Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.686.882
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 04 luglio 2020 alle 09:31

Oggionese: i sindaci discutono in conferenza sulla ripresa delle scuole

Il presidente dei sindaci Giuseppe Chiarella
Organizzazione delle scuole. La conferenza dei sindaci del circondario oggionese che si è riunita l'altra sera aveva, come tema principale all'ordine del giorno, la trattazione della ripresa degli istituti scolastici e delle problematiche legate al Covid-19.
''E' chiaro che ciascuno ha il suo plesso, con proprie caratteristiche e peculiarità, ma abbiamo individuato un paio di linee comuni. Innanzitutto vorremmo mantenere il servizio mensa dove possibile: è un servizio che facciamo ai genitori ma che tiene conto anche dell'indotto, con l'idea di salvaguardare posti di lavoro. Da parte nostra speriamo si mantengano gli orari che ci sono oggi, ma questo compete agli istituti'' ha affermato il presidente Giuseppe Chiarella.
Ciascun comune sta cercando di riorganizzare gli spazi nelle classi, in base alle linee guida del ministero. "Offriremo poi la collaborazione affinché ci sia un disagio minore per bambini e famiglie. Stiamo cercando con tutti i sindaci del comprensorio di fare in modo che tutto resti simile il più possibile all'anno precedente" ha aggiunto Chiarella. "Ciascun sindaco, poi, deve fare i conti con i propri plessi scolastici, ma noi ci siamo voluti confrontare per uno scambio di idee in modo da rispondere al meglio alle esigenze che chiedono i dirigenti scolastici, anche se al momento ci sono ancora aspetti poco chiari: quale deve essere lo spazio tra un banco e l'altro e, ammesso che ci stiano tutti, quanti alunni possono restare all'interno della stessa aula?".
Nel caso di Molteno, paese di cui il presidente della conferenza è sindaco, ci sono due istituti, primaria e secondaria, che raccolgono studenti provenienti da quattro comuni: oltre a quelli del comune, arrivano alunni da Garbagnate Monastero, Sirone e Rogeno. In particolare alle scuole medie, che accolgono ragazzi degli altri paesi, gravitano sull'istituto oltre 600 studenti. "A noi è stato chiesto di avere spazi al di fuori dell'istituto scolastico, che possono essere sia pubblici che privati. Noi ci stiamo incontrando con cadenza quindicinale con le scuole per affrontare passo per passo gli interventi, per capire come intervenire e trovare una soluzione".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco