Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.564.168
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 02 ottobre 2020 alle 09:24

Bulciago: sconti Tari del 50% e 30% per le attività in difficoltà

Il sindaco Luca Cattaneo
Anche il Comune di Bulciago negli ultimi giorni ha optato per una decisione in linea con quella di altre amministrazioni comunali del territorio per quanto riguarda la tassa Tari sui rifiuti, riducendone la tariffa per i soggetti che sono stati maggiormente colpiti dalla pandemia.
Accogliendo le indicazioni di Arera, era già stato previsto uno sconto del 25% sulla parte variabile della tariffa per tutte le attività economiche che avevano subito riduzioni del fatturato a causa della prolungata chiusura dovuta al lockdown. La scelta dell'amministrazione bulciaghese, che è stata portata in consiglio comunale per la votazione nella serata di mercoledì 30 settembre, è stata poi quella di incrementare ulteriormente la quota di agevolazione per queste categorie, portando lo sconto a un totale del 50% dell'intera tariffa. Inoltre, l'amministrazione ha voluto andare incontro a tutti quei soggetti che pur non avendo dovuto chiudere le proprie attività durante il periodo di lockdown, hanno comunque risentito degli effetti economici negativi della diffusione del virus per via indirette e per i quali è stata prevista un'agevolazione del 30% sulla parte variabile della Tari. Restano escluse per ovvi motivi dallo sconto le attività che invece non hanno subito alcuna riduzione di fatturato, primi fra tutti i negozi di qualsiasi genere alimentare. Dal punto di vista del piano finanziario, infine, i costi di quest'anno che dovranno essere coperti per la fruizione del servizio ammontano a circa 303.000 euro, solo 1.000 in più rispetto all'anno precedente, e quindi senza nessun tipo di variazione significativa. Le tariffe rimangono perciò invariate rispetto agli anni scorsi, con l'unica novità per le attività che si sono trovate più in difficoltà nei mesi duri della pandemia da Covid-19.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco