Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 242.941.262
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 17 ottobre 2020 alle 16:17

Greppi: da un'idea di Alessandro nasce l'app CoronaMap, per monitorare i dati del Covid

Da un'idea del giovane studente Alessandro Locatelli, è nata l'applicazione CoronaMap, che permette di monitorare l'andamento del Covid-19 in Italia, utilizzando i dati ufficiali messi a disposizione dalla Protezione Civile.
Il 18enne, alunno al quinto anno dell'istituto Greppi di Monticello - indirizzo informatico - ha avuto questa intuizione durante le ultime settimane di lockdown, a maggio, dove vista l'esigenza di dare delle valutazioni scolastiche a distanza, ad alcuni alunni è sembrato opportuno portare avanti dei progetti individuali che potessero essere valutati dai docenti di informatica. Uno di questi consisteva nella creazione di una applicazione android con una mappa tematica interattiva che mostrasse la distribuzione di casi di virus sul territorio italiano, diviso per regioni e per province. Al termine del tempo concesso per l'elaborazione del progetto, il prototipo di Alessandro è risultato essere quello più completo e ha riscosso parecchio successo fra i professori e i compagni, tanto che il docente di informatica, il prof. Gennaro Malafronte, ha mostrato l'app ad un suo contatto, Enrico Fagnoni, fondatore dell'azienda LinkedData.Center, che in passato aveva già lavorato con alunni del Greppi.

Fagnoni ha molto apprezzato l'app e ne ha intravisto le potenzialità, perciò ha spronato Alessandro a continuarne lo sviluppo, dando al ragazzo anche alcuni suggerimenti su funzioni da implementare e dati da includere. "Sono stato così motivato a portare avanti il progetto, aggiungendo varie nuove funzionalità e dotandolo di una rinnovata interfaccia grafica" ci ha raccontato lo stesso Alessandro. "Il processo è durato un paio di mesi, dal termine della scuola ai primi di agosto. L'applicazione è stata scritta in linguaggio c#, che abbiamo studiato fin dal terzo anno, in XAML per la parte di interfaccia grafica e sulla piattaforma Xamarin, ambiente di sviluppo di applicazioni mobile, oggetto di studio del nostro corso di informatica. La produzione dell'app ha richiesto un maggiore approfondimento rispetto a ciò che è stato fatto a lezione, ma non ci sono state particolari problematiche, se non qualche scoglio a livello tecnico, di programmazione, comunque superabile. L'ostacolo maggiore è stato quello della pubblicazione sul Play Store. L'idea iniziale era appunto quella di caricarla e quindi renderla fruibile a tutti, ma Google ha deciso di applicare delle policies restrittive nei confronti di applicazioni che trattano il tema dell'emergenza Covid. In sostanza, vengono autorizzate sullo store solamente app ufficiali, riconosciute del governo del Paese o da organi direttamente affiliati ad esso. L'unica opzione disponibile è stata quella di caricare CoronaMap sul sito del Greppi".
In particolare, CoronaMap possiede principalmente tre funzioni: tramite apposite mappe tematiche si ha la possibilità di conoscere la distribuzione di positivi, decessi, guariti, tamponi e altro, sul territorio nazionale, diviso in regioni e province. È possibile visualizzare una legenda, cambiare tipo di mappa visualizzata e risalire ai dati specifici di ogni area geografica in modo facile e veloce; si ha poi accesso ai dati giornalieri della Protezione Civile a partire dallo scoppio della pandemia. Si può trovare la propria regione o provincia all'interno del database e aggiungerla ai preferiti, in modo da averla sempre a portata di mano. Fra i dati sono presenti anche le variazioni giornaliere, in modo da avere un confronto veloce coi numeri del giorno precedente; è possibile visualizzare la curva di crescita dei positivi in tutta Italia, nelle regioni e nelle province. Si può anche scegliere quale intervallo di tempo visualizzare sul grafico, in modo da avere una panoramica generale sull'andamento dei dati mese per mese o settimana per settimana. In generale, quindi, sarà possibile tornare indietro nel tempo e visualizzare mappe, dati e grafici dei mesi passati e risalire ai primi giorni dello scoppio della pandemia in Italia, e scoprire come la situazione si è evoluta col passare delle settimane.
Un progetto quindi, quello di Alessandro, che oltre ad aver riscosso successo a livello scolastico, si è rivelato utile e di potenziale supporto per l'intera comunità, scientifica e non, per mettere ancora più a fuoco la situazione del virus nel nostro Paese in un momento di incertezza generalizzato.
Martina Besana
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco