Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.840.903
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 27 novembre 2020 alle 14:06

Cassago: cartelli della minoranza strappati da ignoti nella notte

Da qualche settimana il gruppo di minoranza Progetto Cassago Democratica ha iniziato la sua campagna contro lo spostamento degli ambulatori medici al piano terra del municipio.
Oltre a diversi post su Facebook, l'opposizione cassaghese ha deciso di appendere dei manifesti che spiegano la loro contrarietà in diversi punti del paese. Purtroppo, questi ultimi nel giro di poche ore sono stati strappati.

Il gruppo guidato da Sergio Pini ha affisso nella serata di martedì 24 novembre quattro manifesti nelle bacheche autorizzate del PD, che a sua volta ha autorizzato la minoranza ad utilizzarle per le loro attività politico-amministrative.
Le quattro bacheche scelte per l'affissione sono ubicate nei pressi del vecchio municipio, alla stazione ferroviaria, vicino alla scuola materna e nei pressi del centro di Oriano.
La mattina seguente i manifesti appesi alla scuola materna e alla stazione sono stati trovati strappati, e prontamente sostituiti da nuovi manifesti da parte della minoranza.
Considerata l'inciviltà dell'atto avvenuto, la minoranza di Progetto Cassago Democratica ha messo a conoscenza il sindaco Roberta Marabese di quanto accaduto attraverso una lettera.
"Trattandosi, evidentemente, di un atto stupido e scellerato frutto di una cultura intollerante ed apertamente illiberale, come gruppo Progetto Cassago Democratica, ti chiediamo quantomeno di prendere nota di questo episodio poco edificante e rassicurante", si legge nella missiva inviata all'amministratrice, nella quale si invita la stessa a ricordare ai cittadini - qualora lo ritenesse opportuno - che il rispetto delle regole e la convivenza civile e democratica prescindono dalle diverse opinioni politiche.
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco