Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 262.484.551
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 31 dicembre 2020 alle 07:15

Molteno: via libera allo statuto Silea e alla convenzione di tesoreria comunale

Approvata all'unanimità a Molteno la modifica dello statuto di Silea. Si tratta di una delibera che necessita del passaggio in assise, anche se già stata approvata a metà ottobre dal consiglio di amministrazione della società e in seguito condiviso all'interno del comitato ristretto. Le modifiche, come spiegato dal sindaco Giuseppe Chiarella, riguardano in particolare l'ampliamento dell'oggetto sociale, che andranno ad includere anche la gestione dei servizi accessori, complementari e integrativi riferibili alla gestione integrata dei rifiuti del territorio (come ad esempio la manutenzione di parchi e giardini), pulizia specchi d'acqua e servizi cimiteriali. Le modifiche statuarie riguardano inoltre l'ingresso nel settore del recupero delle materie prime e seconde, i servizi legati alla tariffa dei rifiuti e la realizzazione di studi e progetti per l'energia.

"Sappiamo della difficoltà a mantenere le strade in ordine: lo vediamo sulla strada Molteno-Oggiono che, già sprovvista di marciapiede, in estate diventa impraticabile o in questa stagione con lo spazzamento della neve. Siccome Silea è una società solida, chiedo se una parte degli utili possano diventare in maniera sistematica patrimonio della collettività facendo investimenti in questo senso" ha sostenuto il capogruppo di maggioranza Mauro Proserpio.

All'unanimità delle forze politiche è stato approvato anche il servizio di gestione della tesoreria comunale: la convezione con la BCC Brianza è in scadenza il 31 dicembre. "La legge ci consente di darlo, ancora una volta, allo stesso ente e qui andiamo ad approvare lo schema di convezione che regola i rapporti" ha spiegato il primo cittadino. "La spesa che il comune ha sopportato negli anni passati è pari a 7.000 euro annui. In passato, le banche pagavano i comuni per gestire le risorse, oggi invece è il contrario. Il servizio è stato soddisfacente, oltre le aspettative, quindi il servizio tributi affiderà loro ancora il servizio".

Anche su questo punto c'è stato l'intervento del capogruppo Proserpio. "Spiace ricordare quanto, anni fa, fosse un'occasione per il comune di introitare risorse. La scelta del governo Monti di fare in modo che la tesoreria diventasse un passaggio delle risorse comunali alla banca nazionale, ha portato a questo, con la conseguente difficoltà anche a trovare enti di credito che lo facciano".

M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco