Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.618.678
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 23 febbraio 2021 alle 12:07

Accadeva 30 anni fa/66: casatese a caccia della pantera nera. A Missaglia, per natale, il calendario con i compleanni illustri

Dicembre 1990: da un mese a questa parte il territorio casatese e in particolare quello di Missaglia è in allerta per l’allarme pantera. Sono ormai decine le persone che giurano di aver visto il grosso felino nero aggirarsi nelle campagne, avvicinarsi alle cascine e qualche volta anche alle abitazioni più periferiche. E l’ultimo avvistamento conferma che nella vicenda pantera qualcosa di vero ci deve pur essere. Sono i magazzinieri dell’Unes a spiegare il fatto: una mattina hanno scorto tutti i sacchi contenenti avanzi alimentari e prodotti commestibili scaduti, aperti e qua e là moltissimi peli lunghi di colore nero. Mai in passato era accaduta una cosa del genere, non che mancassero gatti e cani, anche di grossa taglia, nei dintorni. Ma mai erano stati squarciati i sacchi. I magazzinieri avvertita l’azienda e il comune hanno poi guidato i carabinieri del reparto scientifico a raccogliere i peli per l’esame di laboratorio.

Tornano a protestare gli studenti dell’Itc Greppi di Monticello. In solidarietà con i colleghi di Cantù nella cui scuola si era verificato il crollo del soffitto della palestra. Ma anche per richiedere maggiore attenzione verso il proprio Istituto. Anche a Monticello una palestra è chiusa e l’altra versa in condizioni assai precarie. Inoltre pende sempre il rischio che l’ala vecchia venga dichiarata inagibile con la conseguenza di avviare turni di lezione della restante parte della scuola.


Gli studenti della scuola sperimentale durante lo sciopero

Casatenovo, ore 20: due anziane sorelle stanno guardando la TV quando l’apparecchio esplode innescando un incendio che coinvolge tende e suppellettili. Si sentono grida, i vicini di casa urlano alle due donne di uscire, aprire le finestre ma le sorelle sono paralizzate dalla paura. A quel punto due cugini di 27 e 28 anni che abitano nei pressi, pur non avendo sentito lo scoppio, entrano in azione grazie alle grida dei vicini. Sfondano la porta proteggendosi il viso con stracci bagnati. Il fumo è denso non si vede quasi nulla. Una delle due anziane è vicina alla porta. Un giovane la prende in braccio e la porta fuori. L’altro cerca la seconda donna. Riesce a vederne il corpo nella sala dove intanto il fuoco sta dilagando. Non esita, torna fuori si bagna riprende lo straccio per tamponare il viso, rientra afferra l’anziana e portandola a braccia la mette in salvo. Una storia piccola di normale altruismo. Che ha evitato però una tragedia.

A Casatenovo contro i soprusi e i disservizi nasce il Centro di difesa del cittadino. A varare l’iniziativa è il Partito Comunista guidato in città da Antonio Colombo (futuro sindaco) ma l’obiettivo è di spogliarsi della veste politica per aprire a tutte le componenti sociali le porte di questa struttura. Ritardi e disagi, soprattutto nell’ambito sanitario, sono all’ordine del giorno. I promotori installano in tutti i paesi dell’area cassette nelle quali il cittadino può infilare un modulo distribuito porta a porta con il problema che sta affrontando nei rapporti con la pubblica amministrazione.

Mentre si lavora per il bene collettivo la malavita non riposa: a Monticello un furto in una villa, bottino 40 milioni, sempre a Monticello viene svaligiata una rubinetteria per la seconda volta in poco tempo. A Casatenovo un incendio distrugge un capannone di un’azienda tessile, danni per un miliardo e dipendenti in cassa integrazione.



Il capannone della ICS di Casatenovo dopo l'incendio

Ci si prepara al Natale ma non si dimenticano le rimpatriate tra coscritti. Ecco una foto della classe 1941 di Missaglia in festa. E un’altra sempre di Missaglia ma stavolta con la classe 1966.



I coscritti missagliesi del 1941



I coscritti missagliesi del 1966

E sempre a Missaglia c’è spazio per la bella musica con il coro Brianza che si è esibito davanti a quasi 500 persone.


Il Coro Brianza durante l'esibizione


Il pubblico intervenuto alla manifestazione

Ancora Missaglia ma questa volta sugli scudi per la sport, più precisamente per l’ottima organizzazione del trofeo Lanfritto-Maggioni, vetrina per gli atleti della provincia.


Il sindaco Gabriele Castagna insieme al gruppo dei premiati al termine delle gare


Il via ad una delle gare del Lanfritto - Maggioni

Ma a Missaglia ci sono però altri problemi, assai più spinosi: le difficoltà in cui si dibattono le cooperative edilizie aderenti al consorzio Cief. Le difficoltà finanziarie in cui è incappato il consorzio di cooperative che fornisce a queste ultime assistenza legale, fiscale, tecnica ma anche la gestione delle risorse finanziarie, impedisce di perfezionare i rogiti in quanto sui fabbricati grava ancora l’ipoteca della banca che ha finanziato i lavori. Una situazione destinata a suscitare a lungo scontri e polemiche.

Un esercito di cugini e parenti a Monticello festeggia i vent’anni di sacerdozio di don Antonio. Il sacerdote da tempo sta raccogliendo fondi per la nuova chiesa. E l’occasione torna utile per questa buona causa.



I cugini Pirovano in festa per don Antonio

Si perfeziona la fusione tra le società Polisportiva Brianza Casatese e Atletica Brianza Cosma 2000 che in autunno avevano siglato l’intesa di aggregazione. Nasce “Brianza Cosma 2000” in cui confluiscono tra gli atleti missagliesi anche sportiti di Cassago, Barzago, Cremella e Casatenovo per un totale di un centinaio di ragazzi.


Un gruppo di atleti della Polisportiva Brianza Casatese e l'Atletica Brianza Cosma 2000

Dolente prologo natalizio per un grosso commerciante di materiale elettrico, hi-fi e apparecchi per la casa di Barzanò: nella notte tra l’11 e il 12 dicembre ignoti riescono a forzare un portone del deposito, vi entrano con un grosso furgone e si impossessano di materiale elettrico e elettronico per un valore di ca. 250 milioni di lire.

Bella iniziativa degli alunni della seconda A dell’istituto Leonardo da Vinci di Missaglia: un calendario con tutti i nomi dei santi come di consueto ma accanto anche il nome del ragazzo che quel giorno compie gli anni. Non avendo la possibilità di “coprire” tutti i giorni dell’anno i ragazzi hanno inserito il nome di personaggi noti nati quel giorno. Un calendario davvero originale che gli studenti hanno poi regalato a insegnanti e genitori.



Alcune ragazze della scuola media di Missaglia davanti all'originale presepe


Alcuni ragazzi posano sotto 'l'albero' posto all'ingresso della scuola

 
66/continua
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco