Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.779.061
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 25 marzo 2021 alle 08:46

Bosisio: poesia sulla DAD di un'alunna di 5° elementare. ''Vogliamo tornare a scuola''

La scuola primaria di Bosisio
Dad: che noia!
La voce, per il tramite della parola scritta, è quella di una bambina che frequenta l'ultimo anno alla scuola primaria Italo Calvino di Bosisio. Matilde Monti ha infatti scritto una poesia in rima baciata che ha stupito insegnati e compagni per la verità del contenuto, condensata in pochi e semplici versi. 
Come stabilisce il nuovo decreto di inizio marzo, le scuole vengono chiuse nel momento in cui viene dichiarata la zona arancione rafforzata. Milioni di alunni, nelle ultime settimane, sono tornati indietro di un anno, ritrovandosi a dover seguire le modalità di lezioni a distanza. Come però testimoniato da un recente studio dello IEO di Milano che copre la quasi totalità delle scuole italiane, il tasso di positività degli studenti, rispetto ai tamponi eseguiti, si attesta sotto l'1%. Inoltre, i focolai che si rilevano in classe sono rari (sotto il 7%) e la frequenza di trasmissione tra alunni e docenti è statisticamente poco rilevante.
In base alle conclusioni a cui giunge questo studio, la scuola dovrebbe rimanere aperta per evitare i danni sulla salute psicofisica degli studenti.
Sono proprio gli stessi studenti, come la piccola Matilde, a chiedere di poter tornare a scuola per poter vivere a pieno la socialità, senza doversi collegare ogni mattina a computer che peraltro mostrano tutte le debolezze di un sistema ancora non funzionale alla didattica per bambini.

Di seguito la bella poesia di Matilde:

LA DAD PER ME

La dad io non la sopporto
è meno impegnativo scavare un orto.
In videolezione non si capisce niente
è come se parlasse un serpente,
la connessione non va a nessuno
manco fossimo su Nettuno.
A scuola vogliamo ritornare
e i compagni salutare.
Lo studio non ci manca affatto,
ma vogliamo stringere un patto:
se a scuola ci farete ritornare
le regole sapremo rispettare.

Matilde Monti
(scuola primaria Bosisio Parini)


© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco