Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.991.421
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 07 aprile 2021 alle 15:38

Coldiretti Lecco: sos, arriva il gelo

Il brusco abbassamento delle temperature anche con l’arrivo del gelo nelle nostre province (la colonnina porterà le “minime” sottozero in diverse zone delle alture lariane, ma anche nella pianura comasca e lecchese) compromette la produzione di alberi da frutto già fioriti, ma ad essere colpiti sono diversi ortaggi coltivati, ed è allerta anche nelle serre delle imprese florovivaistiche che, in ogni caso, dovranno essere riscaldate per fronteggiare l’ondata di freddo fuori stagione. E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dell’ondata improvvisa di freddo con vento forte nelle due province lariane che, oltre alle due province di Como e Lecco, toccherà molte regioni in tutta Italia.
Il colpo di coda inverno dopo l’inizio della primavera colpisce le due province lariane – sottolinea l’organizzazione agricola – dopo un lungo periodo di alte temperature che hanno favorito il risveglio della vegetazione che è ora più sensibile al grande freddo.
“Monitoriamo la situazione, nella speranza che l’allerta si risolva nel giro di poco” commenta Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco.
L’abbassamento della colonnina di mercurio per lungo tempo sotto lo zero provocherebbe danni seri, senza contare che lo sbalzo termico, come detto, porta inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra.
Siamo di fronte in Italia alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo che ha fatto perdere – continua la Coldiretti – oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.
L’agricoltura – conclude la Coldiretti interprovinciale – è infatti l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici ma è anche il settore più impegnato per contrastarli.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco