Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.677.594
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 26 aprile 2021 alle 15:43

Insieme Cassago: una targa  con il 1522 contro la violenza

Una targa con il numero di emergenza 1522 su una panchina di via Salvador Allende e una in ciascun parco del comune di Cassago. È quanto è stato chiesto dai consiglieri della minoranza #Insieme Cassago all’amministrazione comunale per impegnarsi nella lotta contro la violenza sulle donne. Rosaura Fumagalli e Antonio Carrino chiedono al sindaco Roberta Marabese e alla giunta di adeguarsi a quanto previsto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, già dalla fine dello scorso anno, rispetto all’esposizione di cartelli negli spazi pubblici con il numero verde di pubblica utilità 1522 per il sostegno alle vittime di violenza e di stalking. I consiglieri della minoranza hanno ricordato anche la sensibilità da parte del comune di Cassago nei confronti di questo tema, dimostrato da diversi interventi mirati messi in atto dalle precedenti amministrazioni comunali per arginare un disagio che continua ad aumentare e che spesso rimane confinato nell’ambito domestico. La minoranza consiliare promotrice della mozione si augura che, prima dell’inizio dell’estate, almeno la via Salvador Allende e tutti i parchi comunali siano dotati del cartello recante la dicitura: “Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522”. Al numero rispondono operatrici competenti 24 ore su 24, che garantiscono un supporto immediato ai bisogni di vittime di violenza di genere o stalking, offrendo informazioni utili e un orientamento verso i servizi socio-sanitari pubblici e privati presenti sul territorio nazionale. Il 1522, disponibile nelle lingue italiana, inglese, francese, spagnola e araba, sostiene l’emersione della domanda di aiuto e garantisce l’anonimato della vittima di violenza. In un secondo tempo, i casi che meritano un immediato intervento vengono accolti con una specifica procedura tecnico-operativa condivisa con le Forze dell’Ordine.
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco