Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.927.287
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 17 agosto 2021 alle 22:30

Nibionno, elezioni: chi sfida Laura Puttini? L'avversario non sarà Roberto Gemetto

Chi si contrapporrà a Laura Puttini nella fida elettorale di Nibionno? Il nome del candidato dell'altro gruppo non è stato ancora rivelato ma, al momento, sappiamo che non sarà Roberto Gemetto colui che, in pochi mesi, ha dato vita a un nuovo gruppo.
Ferragosto è ormai alle spalle, la data delle amministrative si avvicina - insieme a quella di presentazione delle liste - e a Nibionno prosegue il fermento politico. Quest'anno infatti come noto, non ci sarà una lista bulgara, ma una sfida tra due candidati e, ad oggi, solo uno è noto.
Al momento conosciamo i due gruppi che scenderanno in campo per governare il paese nei prossimi cinque anni: sono nati da una frattura tutta interna alla maggioranza consiliare. Da un lato si presenterà "Nibionno Protagonista", la squadra composta dal binomio Laura Puttini, assessore all'istruzione e cultura che corre in tandem con Giovanni Panzuti, attuale vicesindaco con il quale ha condiviso gli ultimi dieci anni di legislatura. Sull'altro versante troviamo "Tutti insieme per Nibionno", la formazione ideata dall'assessore Roberto Gemetto con il consigliere Gabriele Rigamonti, a cui ha scelto di aderire anche l'attuale sindaco Claudio Usuelli


Laura Puttini

La strategia usata dai due gruppi per presentarsi ai cittadini è differente. "Nibionno Protagonista", seguendo le tradizionali logiche, ha scelto prima di ufficializzare il candidato sindaco, un nome che era già nell'aria: si tratta di Laura Puttini che, dopo un mandato come semplice consigliere, ha proseguito in questo mandato, seguendo l'assessorato a cultura e istruzione. "Questo periodo di pandemia può fornirci l'occasione per rivalutare valori e principi sui quali basare il nostro futuro - afferma - il lockdown ha infatti logorato i rapporti più superficiali ma ci ha fatto riscoprire il ruolo centrale della famiglia e della comunità. Ci ha portati a riconoscere e ad apprezzare il nostro territorio, risvegliando il desiderio di prodigarci perché tutto ciò che ci circonda e ci è più caro sia al riparo da pericoli ed attacchi esterni". La candidata ha aggiunto: "Sono stata scelta e supportata da un gruppo coeso e forte, composto da giovani uomini donne determinati e carichi di entusiasmo senza interessi personali ma con il solo desiderio di impegnarsi a beneficio di ogni cittadino nibionnese. Metterò a disposizione del paese l'esperienza maturata in questi dieci anni, senza però avere la presunzione di conoscere appieno il funzionamento della macchina amministrativa, tano ancora penso di poter apprendere ogni giorni attraverso il confronto e il dialogo costruttivo con i cittadini e con tutte le realtà presenti sul territorio comunale". Poco si conosce degli altri componenti del gruppo, che ha un'età media di 42 anni: oltre a Giovanni Panzuti, saranno presenti Stefano Gioia, 28 anni, Matteo Trivella, 23 anni e Natale Riccardi, 45 anni, attuali consiglieri. Il volto nuovo reso noto è Davide Piazza, 24 anni. Al momento, la squadra preferisce non sbilanciarsi sui nomi degli altri candidati, che sono comunque presto attesi. 



Roberto Gemetto

"Tutti insieme per Nibionno" ha scelto un'altra strategia. Non ha cominciato dalla figura apicale del gruppo, ma ha fatto conoscere tutte le persone che stanno lavorando per questa tornata elettorale. Si tratta di un gruppo molto numeroso - negli ultimi giorni le fila si sono ingrossate e oggi conta venti persone - e tutti loro non avranno la possibilità di entrare in consiglio: i candidati possono essere al massimo 13. Qualcuno non sarà candidato ad entrare in consiglio: tra questi con ogni probabilità ci sarà Angelo Negri, ex primo cittadino che continuerà a dare il supporto al gruppo dall'esterno.
"Lo spirito del gruppo va inteso come laboratorio. Altre persone si sono da poco aggiunte e c'è posto per tutti: per amministrare un paese non bisogna sedere sui banchi consiliari, ma lavorare insieme - spiega il sindaco Usuelli - Il nostro obiettivo non è solo creare futuri amministratori e quindi una squadra per guardare da qui alle prossime elezioni, fornendo sensibilità ed educazione civica, ma anche coltivare persone che, a vario titolo, vogliono impegnarsi per la collettività: vorremmo che ci siano sempre figure di contatto tra il paese e gli amministratori. Ci tengo anche a precisare che chi viene alle riunioni, non ha in tasca la tessera di partito. È un aspetto di cui non ci siamo mai preoccupati, nemmeno in questi dieci anni". Poi chiarisce la sua posizione: "Non mi sarei messo in lista ma, dopo alcune considerazioni emerse dalla stampa, ho ricevuto tante richieste per mettermi ancora in gioco. Scendiamo in campo per amministrare il paese: se non dovesse andare, ci impegneremo lo stesso in altro modo, oltre a essere sui banchi consiliari".
Il candidato del gruppo non viene ancora reso noto. Tuttavia, sappiamo che non sarà Roberto Gemetto a guidare il gruppo che si presenterà a queste amministrative: "Non ho mai detto di voler fare il sindaco - conferma l'assessore - Ho sempre detto che bisogna valutare tante cose e io sono più operativo: preferisco lavorare che stare dietro la scrivania. Ora abbiamo trovato, di comune accordo, un valido candidato: è giusto che ciascuno faccia la sua parte. Se avessi voluto candidarmi, lo avrei detto da subito cercando persone che si unissero al mio progetto. C'è voluto un po' per creare la squadra, ma meno del necessario". Si schernisce: "Le polemiche non mi piacciono e non ne ho mai volute fare. So che in paese gira il mio nome e mi fa piacere che si parli di me, ma non sarò io a guidare il gruppo. Voglio che la competizione sia corretta e portata avanti in modo regolare". Tolto Gemetto, sappiamo che, in base alla legge attuale, Usuelli non può candidarsi, mentre escludiamo possa essere Gabriele Rigamonti. Con ogni probabilità si tratterà quindi di una figura nuova in ambito amministrativo.
Attendiamo ora che vengano sciolti gli ultimi dubbi: da una parte per presentare la squadra e dall'altro per ufficializzare il nome del candidato sindaco.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco