Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.319.366
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 21 gennaio 2022 alle 18:49

Retesalute: si cercano candidati al CdA ma l’assemblea di revoca della liquidazione è fissata il 9 febbraio. E i Consigli non votano?

E' davvero curioso quanto sta accadendo in Retesalute. Mentre si è ancora - in forma e sostanza - in liquidazione da almeno un mese viene diffusa con ogni mezzo la ricerca di candidati a entrare nel prossimo consiglio di amministrazione. Precisando che l'incarico è a compenso zero.

Il sindaco Filippo Galbiati e il direttore Enrico Bianchini

Ma chi l'ha detto mai che ci sarà un prossimo CdA? L'Assemblea dei soci è stata convocata per il 9 febbraio 2022 quindi non c'è alcuna certezza che la procedura di liquidazione sarà revocata. Inoltre e ancora una volta - l'ennesima - il cronoprogramma è andato a farsi benedire. Mentre sul testo di ricerca di candidati si dice espressamente che entro fine gennaio sarà revocata la procedura di liquidazione, il relativo punto appare nell'ordine del giorno straordinario dell'assemblea convocata tra 18 giorni.

Ordine del giorno che, appunto vede al l'informativa del Collegio dei Liquidatori in relazione alla situazione creditoria e debitoria dell'azienda speciale pubblica, la revoca dello stato di liquidazione, la determinazione dei soci in merito alla conferma all'azienda stessa quale ente capofila del Piano di Zona dell'Ambito meratese (in assenza di altre candidature), il recesso del comune di Oggiono e la nomina del Consiglio di Amministrazione.

Tutto in una sera. Ma una domanda tecnica la vogliamo porre al Presidente dell'Assemblea Massimo Panzeri, del Collegio dottor D'Aries e al direttore di Retesalute dottor Bianchini: siamo certi che non occorra una delibera specifica da approvare in tutti i Consigli comunali che conceda al sindaco o suo delegato il potere di voto sulla revoca della procedura di liquidazione?

Quando si trattò di varare lo stato di liquidazione dell'azienda ogni Consiglio comunale approvò una deliberazione specifica che autorizzava il sindaco o suo delegato a votare in favore del provvedimento. Ora invece non serve?

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco