Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 219.633.198
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Lunedì 21 marzo 2011 alle 14:51

Annone B.: il Sindaco devolve un anno di ''stipendio'' per il restauro di San Giorgio

Ammonta a 10mila euro il contributo straordinario stanziato in questi giorni dalla giunta di Annone Brianza per sostenere i lavori di restauro della chiesa di San Giorgio, autentico gioiello artistico e architettonico del paese oggetto da quasi un anno di un’intensiva opera di restauro.



La chiesa di San Giorgio

Il contributo versato alla parrocchia risulta essere costituito dalla somma di due voci: la prima, pari a 5mila euro, è rappresentata dallo stanziamento ordinario deciso in sede di bilancio previsionale 2010, a titolo di contributo da parte dell’amministrazione agli onerosi interventi di recupero dell’edificio sacro.
La seconda, pari a ulteriori 5mila euro, risulta costituita dallo “stipendio” di amministratore comunale del sindaco Carlo Colombo, versato dal primo cittadino a titolo di integrazione della somma messa a bilancio.
“Si tratta indubbiamente di una piccola goccia d’acqua a fronte dell’importo totale dei lavori – ha ricordato il sindaco Colombo – un gesto con il quale ci auguriamo di poter contribuire per quanto possibile al recupero della nostra chiesa, restituendola al suo vecchio splendore”.
I lavori, iniziati lo scorso luglio, interesseranno per tutto il 2011 e il 2012 l’antica chiesina locale, al fine di restituire a fedeli e visitatori gli affreschi e l’edificio sacro ormai bisognoso di corposi interventi di recupero.
A 8 mesi dall’avvio del cantiere la Parrocchia è riuscita a liquidare il 36,2% delle opere comprese nel primo blocco degli interventi di restauro, ossia quello economicamente più oneroso che prevede, fra l’altro, il restauro delle superfici e le opere edili di consolidamento.



Alcune fasi dei lavori di restauro

Tirando le somme, al momento risultano già liquidati 213.310 euro a fronte dei 375.473 ancora da pagare, per un totale lavori (relativo al primo blocco) di 588.784 euro solo parzialmente coperti dal finanziamento regionale di 361mila euro, di cui 92mila a fondo perso.
Mentre nel cantiere fervono i lavori si fanno sempre più insistenti le voci riguardanti il possibile “ritorno” del Polittico ligneo della Passione di Cristo, una straordinaria opera d’arte risalente al XVI secolo attualmente custodita presso il museo diocesano di Milano e precedentemente ospitata proprio nella chiesina di San Giorgio.

sangiorgio_8.jpg

Il polittico ligneo della Passione di Cristo

“A completamento del primo lotto di lavori si prevede di rendere accessibile il corpo centrale dell’edificio – ha proseguito il sindaco Colombo – successivamente i lavori si concentreranno sulla cappella dove in futuro contiamo di ospitare il Polittico della Passione. Questa ipotesi è fortemente legata alla relaizzazione degli interventi di restauro del secondo lotto, senza i quali non sarebbero garantite le condizioni ambientali per la corretta conservazione dell’opera lignea. A completamento definitivo dei lavori non dovrebbero più esserci “scusanti” per trattenere ancora l’opera a Milano, dandoci così la possibilità di richiedere formalmente la restituzione del Polittico”.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco