Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.755.916
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 30 luglio 2012 alle 15:28

Asl: attivo il servizio di controllo dei funghi

Servizio riconoscimento funghi a tutela del consumatore (Ispettorato Micologico) dell’Azienda Sanitaria di Lecco

L’Azienda Sanitaria Locale di Lecco fornisce un servizio di controllo dei funghi freschi a tutela del consumatore nel periodo che va dal 1° agosto al 30 novembre 2012 presso due centri:
•    Laboratorio di Sanità Pubblica in Via 1 Maggio, 21,  ad Oggiono.
        Orari di apertura:
    il martedì e il mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 11.00
•    Il S.I.A.N. (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) in Via Papa Giovanni XXIIII, a Bellano.
    Orari di apertura: nei mesi di agosto e settembre
    Il lunedì, il martedì, il mercoledì e il giovedì dalle 14.30 alle  15.00
    Nei mesi di ottobre e novembre su appuntamento telefonico.
•    Presso il presidio di Introbio, in località Sceregalli,  in collaborazione con la Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone, val d’Esino e Riviera, ogno giovedi e Domenica dal 12 luglio al 18 ottobre, dalle 15.00 alle 17.00, previo appuntamento telefonico da effettursi entro le ore 12 del giorno stesso
E’ possibile accedere all’ispettorato micologico presso il Laboratorio di Sanità Pubblica e presso il SIAN in Via Papa Giovanni XXIII in altri periodi e in orari diversi da quelli sopra indicati, previo appuntamento telefonico. 
0341/482874 – Ispettorato Micologico di Oggiono
0341/822128 – Ispettorato Micologico di Bellano
338/7063477 – Ispettorato micologico Introbio
Il servizio è gratuito.
L’Ispettorato Micologico offre ai cittadini una consulenza tecnica per il riconoscimento delle diverse specie fungine fresche raccolte da privati ai fini della determinazione della loro commestibilità.
All’esame di commestibilità deve essere sottoposto l’intero quantitativo raccolto e le specie giudicate non mangerecce verranno trattenute per la distruzione.
Si ricorda che non esistono metodi, ricette, oggetti, metalli o altro in grado di indicare la tossicità del fungo, l’unico metodo sicuro per stabilire la commestibilità è di classificarlo sulla base delle sue caratteristiche morfobotaniche come appartenente a specie di comprovata commestibilità.
Negli anni passati si sono verificati diversi casi di intossicazioni, talune gravvissime ed 1 addirittura mortale, dovute al consumo di funghi raccolti direttamente da chi li ha raccolti oppure regalati da amici e/o parenti
E’ pertanto necessario, che prima di consumare funghi freschi provenienti da raccolte dirette o da regali di altre persone si sia assolutamente certi che si tratti di specie commestibili, scartando ogni altro fungo.
Nel dubbio, al fine di prevenire le intossicazioni, prima di consumare funghi  che non si conoscono è meglio rivolgersi al servizio micologico dell’ASL.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco