Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 242.464.161
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 19 luglio 2014 alle 14:20

Sospensione dell’erogazione acqua: ma Idroservice ha scordato il diritto dei cittadini a essere informati?

Gianfranco Castelli
E bravo il nostro Gianfranco Castelli, amministratore unico di Idroservice Srl per volere del gran capo di Lario Reti Holding Vittorio Proserpio: sospende l’erogazione dell’acqua potabile per 12 ore in 47 comuni tra cui Merate – dove, se non lo sapesse l’ex sindaco di Lomagna c’è un ospedale con 360 posti letto – e si dimentica di informare con largo anticipo i Comuni. Peggio, alcuni nemmeno sono stati avvisati. E naturalmente la circolare non è stata inviata ai giornali, almeno quelli online i soli che possono informare tempestivamente la popolazione. Giusto per sconsigliare di andare al bagno due volte nella notte. Perché non ci saranno problemi la prima, ma la seconda……. Ottimo servizio, d’altronde il Partito Democratico per bocca dei suoi capibastone Crimella, Brivio, Strina e compagnia briscola hanno imposto un A.U. invece del Consiglio di Amministrazione, giusto perché la filiera di comando sia più corta e nei CdA non ci siano voci contrarie, tipo il meratese Alfredo Casaletto ex consigliere in Idrolario Srl. Fortunatamente ci sono sindaci attenti – grazie a Dorina Zucchi di Olgiate – che pensano subito ai disagi che subirà la popolazione se non fosse almeno informata per tempo. Il nostro network con le sue testate merateonline, casateonline e leccoonline è in grado di informare l’intera provincia. Ma Idroservice che cosa fa? Si limita a mandare una lettera senza neppure accertarsi che tutti l’abbiano ricevuta? E a nessuno è passato per la mente di informare i vertici del San Leopoldo Mandic? Dodici ore senz’acqua si possono sopportare – anche perché non dubitiamo della necessità dell’intervento alle tubazioni che attingono l’acqua dal lago – purché però si sappia per tempo in modo da potersi attrezzare. Così invece chissà quante famiglie stanotte apriranno inutilmente i rubinetti. Succederà qualcosa? Ma no, dopo le decisioni scellerate che hanno contraddistinto gli ultimi anni della vicenda “idrica”, questa disattenzione sarà derubricata a banale svista. E alle tredici di domani tutto sarà archiviato con il ritorno dell’acqua.
La legge del contrappasso però è spietata: anche il Sindaco di Osnago era all’oscuro della sospensione. Verrebbe da dire: c’è giustizia anche su questa terra…….!

P.S.: nella frenesia del lavoro che caratterizza l’informazione in rete – almeno per chi è sul pezzo….! – apprendiamo ora da Marina Galbusera sindaca di Rovagnate, che il call center di Idroservice non assicura né che l’acqua sarà sospesa né che ci sarà. Insomma si sa e non si sa. Non male, non male davvero. Meglio prendere le necessarie precauzioni, ossia un paio di secchi colmi per la notte.
Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco