Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 220.106.141
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Lunedì 27 aprile 2015 alle 17:05

Lecco: acqua, quale futuro? Il 6 maggio una serata per capire

QUALE FUTURO PER L'ACQUA?

I sindaci della Provincia si apprestano a decidere come e a chi affidare l'acqua per i prossimi 20 anni. È una decisione che riguarda tutti: incide sulle tariffe, sulla qualità del servizio, sulla democrazia. Il 6 maggio alle 21 presso il teatro civico di Germanedo il Comitato acqua farà luce sugli scenari futuri. Invitati -oltre ai cittadini- anche tutti i candidati sindaci

Quale sarà il futuro dell'acqua in Provincia di Lecco? Come e a chi verrà affidato il servizio idrico per i prossimi vent'anni? Qual è il modello migliore per qualità del servizio, rispetto dell'inequivocabile esito referendario e tutela dell'acqua come bene comune? Queste le domande alle quali proverà a fornire chiare e documentate risposte l'iniziativa pubblica aperta a tutta la cittadinanza organizzata dal Comitato lecchese per l'acqua pubblica e i beni comuni mercoledì 6 maggio alle 21 presso la sala del teatro del Centro Sociale di Germanedo (via Eremo 28, Lecco).

I Comuni della Provincia, infatti, sono improrogabilmente chiamati a fare una scelta entro il 30 giugno 2015 a proposito del futuro dell'acqua o più precisamente dell'affidamento ventennale del servizio idrico integrato.

Una decisione fondamentale che riguarda tutti i cittadini della Provincia. Non fosse altro perché inciderà sulle tariffe, sulla qualità del servizio e sulla democrazia. Ecco perché si farà il punto della situazione sullo stato dell'acqua, anche alla luce del severissimo pronunciamento della Corte dei Conti.

In quella sede verranno anche interpellati i candidati sindaci della città sulle scelte in merito alle proposte pervenute all'ATO e sulle loro ricadute economiche per i Comuni e i cittadini (maggiori tasse e tariffe), nonché sulla legittimità dell'espressione di voto in sede di ATO nella conferenza dei Comuni, da parte del sindaco, voto che sarà probabilmente concomitante con le elezioni amministrative o precedente l'insediamento del Consiglio Comunale.

Si chiederà loro anche della partecipazione democratica dei cittadini ed il ruolo che il prossimo Consiglio Comunale avrà nella gestione dell'acqua -e più in generale anche in previsioni di altre importanti scelte di altre società partecipate-.

L'iniziativa è aperta tutti.

Comitato lecchese per l'acqua pubblica e i beni comuni

comitato.lecco@acquabenecomune.org

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco