Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 233.762.746
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 17 luglio 2015 alle 16:23

Comitato acqua pubblica: l'affidamento del servizio idrico non passerà in consiglio. La democrazia sostituita dall'oligarchia

Il 29 luglio prossimo la Conferenza dei Comuni sarà chiamata ad esprimere il parere "obbligatorio e vincolante" sull'affidamento del servizio idrico nella nostra Provincia per i prossimi vent'anni.

Il presidente dell'Ufficio d'Ambito nella convocazione della Conferenza ha precisato che non è necessaria la preventiva delibera dei Consigli Comunali ai quali compete, per quanto previsto dall'art. 42 del TUEL, "l'organizzazione dei pubblici servizi, costituzione di istituzioni e aziende speciali, concessione dei pubblici servizi, partecipazione dell'ente locale a società di capitali, affidamento di attività o servizi mediante convenzione".

L'affidamento sarà deliberato dalla Provincia, un ente abolito nel 2014, attraverso un Consiglio Provinciale non eletto dai cittadini con l'espressione di un parere "obbligatorio e vincolante" da parte dei Sindaci che ignorano le attribuzioni e le competenze dei Consigli Comunali.

La Democrazia è stata sostituita dall'Oligarchia. L'esito sarà scontato e non terrà conto delle esigenze dei cittadini e del servizio ma si collocherà nel progetto della grande multiutility attraverso la quale fare cassa per recupare maggiori entrate per i Comuni dissanguati dalla Legge di Stabilità. Le tariffe dei servizi pubblici sono, ma lo saranno ancora di più, un nuovo strumento di gettito fiscale.

Ma il Comitato non si arrende. Un affidamento non conforme alla legislazione vigente, non rispettoso dell'esito referendario e tendente ad una privatizzazione di fatto se non di forma, non è una sconfitta per il Comitato ma per tutti i cittadini che nel giugno 2011 hanno espresso chiaramente la propria volontà di mantenere il servizio idrico nell'area pubblica.

Purtroppo è l'esito di quasi tutti i referendum e la fine della sovranità popolare.

Per illustrare la posizione del Comitato, le iniziative, anche di denuncia, che saranno intraprese, è stat convocata una conferenza stampa per martedì 21 luglio alle 0re 17:00 presso la sede dell'Arci di Lecco in Via Cesare Cantù, 18.

Comitato lecchese acqua pubblica
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco