Scritto Giovedý 17 maggio 2018 alle 09:56

Bosisio: la replica del comune al volantino della minoranza

Il sindaco Borgonovo e il capogruppo Galli
Non si è fatta attendere la risposta dell'amministrazione in merito al volantino diffuso da Bosisio Viva per la convocazione di un'assemblea pubblica sul progetto del Precampel, in programma per venerdì 18 maggio.
"Ho trovato il manifesto zeppo di errori: ci sono molte approssimazioni sia sul discorso progettuale sia sulla rappresentazione grafica. Secondo quanto scritto, il costo dell'intervento sul cortile della scuola (lotto 2), ad esempio, dovrebbe costare 99.000 euro, mentre la gara verrà bandita per circa 80.000 euro. Sono presenti anche errori grafici: la superficie del parco di Villa Rosa è stata ampliata per far credere che sia più grande di quella che è, ma non è l'unica alterazione. Viene anche indicata una passeggiata lago esistente fino al molo, che però non esiste. In questo modo si offre qualcosa che non corrisponde alla realtà. Ai cittadini invece vanno offerti elementi di valutazione corretti, poi saranno loro a crearsi un'opinione" ha esordito il sindaco Giuseppe Borgonovo. "Bosisio Viva si è confermato ancora una volta il partito della protesta e non della proposta: dimostra di non avere idee al punto da chiedere agli stessi cittadini un parere sull'opera. Mi spiace non abbiamo colto la modernità del progetto, volto a mettere al centro la natura e le persone, peraltro condiviso con il Politecnico, le associazioni, gli enti superiori e con l'altra forza di opposizione che ha fornito utili suggerimenti per migliorarlo. Questa loro paura della modernità mi spinge a pensare che Bosisio Viva sia ormai una forza morta di idee, non in grado di accettare che il paese possa cambiare. Nonostante si proponessero come un gruppo "svecchiato" durante la campagna elettorale, hanno dimostrato di essere prigionieri della vecchia guardia: per loro il futuro è tornare al passato".
Dopo l'attacco il primo cittadino ha concluso: "la migliore risposta dell'amministrazione è la concretezza dei fatti: con questo progetto abbiamo tracciato la direzione per i prossimi anni perchè non realizzeremo tutto. Quando i cittadini inizieranno a vedere la nuova fisionomia che assumerà l'area toccheranno con mano il progetto".
Anche il capogruppo di maggioranza Andrea Galli ha trovato nella lettera alcune contraddizioni: "Il fatto che Bosisio Viva suggerisca di concentrarsi su altri interventi prioritari tra cui il ripensamento dell'area di ingresso alle scuole e il collegamento tra l'istituto scolastico e i parcheggi, è un controsenso in quanto l’opera proposta dall’amministrazione è criticata dalla minoranza prevede sia la messa in sicurezza dell’ingresso scolastico che il collegamento scuola e parcheggio. Quando invece dicono che la loro lettera non è legata a una forma di protesta, penso che hanno avuto tutto il tempo e i modi per esprimersi, anche nelle conferenze dei capi gruppo, ma fino a poco tempo fa sono rimasti silenti". Tra le inesattezze sottolineate da Galli c'è la demolizione di un tratto della passeggiata lago: "Verranno non eliminati ma sostituiti 30 metri di passeggiata, cui se ne aggiungeranno altri 100 che permetteranno di arrivare fino al molo, anche nell'ottica di abbattimento delle barriere architettoniche ancora presenti. In sostanza Bosisio Viva si pone in contrasto con i tentativi di modifica del contesto urbano: quando viene proposto qualcosa di non ordinario secondo loro il paese dovrebbe restare quello di 40 anni fa. Il cambio delle esigenze e delle modalità di vivere richiede un adeguamento anche da parte dell'amministrazioni e questo è il passo che stiamo compiendo".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco