Scritto Mercoledý 17 luglio 2019 alle 17:53

Casatenovo, Vismara: sindacati al lavoro per la proroga della ''cassa'' per altri 6 mesi

Il salumificio Vismara di Casatenovo
Proroga della cassa integrazione straordinaria per altri sei mesi. E' l'ipotesi alla quale stanno lavorando le sigle sindacali che seguono la situazione della Vismara spa di Casatenovo, ammessa al concordato preventivo dal tribunale di Reggio Emilia nel mese di aprile.
L'ammortizzatore sociale era stato concesso per la durata di un anno a inizio agosto 2018, quando il salumificio con sede a Cascina Sant'Anna aveva iniziato a manifestare evidenti segnali di difficoltà.
''Abbiamo già sentito i funzionari regionali e la prossima settimana avremo un incontro al Ministero per definire la proroga nei dettagli'' ci ha detto Massimo Sala di Flai Cgil che con Enzo Mesagna di Fai Cisl sta seguendo da tempo ormai, la delicata vicenda che coinvolge l'azienda casatese, alle dipendenze della quale ci sono attualmente 180 persone. Un numero inferiore rispetto a quello iniziale, poichè alcune decine di lavoratori sono riusciti a trovare alternative nonostante il mercato non stia vivendo un momento così florido.
Intanto, dopo che il collegio giudicante del tribunale reggiano presieduto da Niccolò Stanziani Maserati ha firmato il decreto di ammissione alla procedura concorsuale, l'iter sta procedendo senza particolari intoppi, in attesa dell'udienza per l'adunanza dei creditori in programma a fine ottobre.
Ad oggi resta sul piatto l'interessamento mostrato dal gruppo cesenate Amadori, intenzionato a rilevare il pacchetto azionario dalla famiglia Ferrarini, ma non ancora ufficialmente nel consiglio di amministrazione della società. L'analisi nel dettaglio del piano che prevedeva appunto l'arrivo del colosso emiliano, era stata affidata a un collegio di tre giudici che - dopo aver richiesto un supplemento di documenti in maniera tale da approfondire ulteriormente alcuni aspetti - aveva valutato in maniera positiva la fattibilità dell'intera operazione rispetto a tre obiettivi: la garanzia della salvaguardia dell'occupazione, la continuità aziendale e il piano di rientro dei debiti.
Ora non resta che attendere le prossime mosse. L'auspicio dei sindacati (che proprio ieri hanno incontrato il commissario dr.Franco Cadoppi per fare il punto sulla procedura) è che anche l'attività produttiva - che in questi mesi non si è mai fermata - possa mettersi ulteriormente in moto e che tutti i passaggi abbiano esito positivo, per poter traghettare definitivamente Vismara al riparo da ogni rischio e dalla crisi proclamata l'estate scorsa.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco