Scritto Luned́ 06 luglio 2020 alle 09:04

Nibionno: previsto il riscatto di Retesalute del 2019, ma confermata la fiducia all’azienda

L'assessore Casiraghi e il sindaco Usuelli
"Confermiamo la fiducia a Retesalute. Per noi è stata un'esperienza positiva. Siamo stati contenti di affidarci a quest'azienda perché si parla non di cose ma di persone che hanno bisogno al momento, non domani o dopodomani".
Sono le parole con cui il sindaco Claudio Usuelli, nell'ultima seduta di consiglio a Nibionno, ha voluto rinnovare la scelta formalizzata ufficialmente poco più di un anno fa.
Nel marzo 2019, dopo l'iter burocratico per l'ingresso nella società che nel distretto meratese si occupa di gestire i servizi sociali, il comune di Nibionno ha conferito i servizi sociali di base, l'assistenza educativa scolastica, il servizio di assistenza domiciliare (SAD) e il servizio di tutela dei minori.
Ora, a seguito delle note vicende legate alla criticità economico-finanziaria dell'ente (nell'ultima assemblea è emerso un debito che si aggira intorno ai 6 milioni di euro), il comune ha comunque voluto confermare la scelta già operata e ha inserito a bilancio una cifra previsionale di riscatto pari a 17.000 euro, che dovrebbe essere la quota del 2019 imputabile a Nibionno. Tutti i comuni del territorio oggionese (Ello, Nibionno, Oggiono e Sirone) che avevano scelto l'azienda a totale controllo pubblico avevano infatti chiesto attraverso una nota comune di pagare la quota della perdita relativa ai servizi utilizzati dal loro ingresso ufficiale. Comunicazione che sembra essere stata accolta dalle rappresentanze dei sindaci del meratese-casatese e di Retesalute.
A dispetto di quanto accaduto, poi, l'amministrazione ha voluto affidare a Retesalute la gestione del centro estivo, incarico che fino a quest'anno non era stato incluso perché, da tradizione, erano gli oratori ad occuparsi dei ragazzi. Per questo motivo, il consiglio ha deliberato l'integrazione del protocollo operativo. "Con la situazione pandemica e l'emergenza, tutte le realtà che si occupavano di sostegno estivo ai ragazzi hanno incontrato difficoltà a seguire le linee guida per osservare le misure di contenimento del contagio. Le agenzie educative, in prevalenza costituite dai due oratori, non sono riuscite a garantire l'offerta che hanno sempre fatto negli anni e che veniva sostenuta dal comune. Ci è stata ventilata la possibilità di avere finanziamenti, quindi abbiamo somministrato questionari per la ricerca del bisogno sul territorio" ha informato l'assessore a istruzione Laura Puttini, confermando che da lunedì 6 luglio fino a fine mese, verrà attivato il servizio per 30 famiglie, con una proposta che copre lo spazio pomeridiano (dal lunedì al venerdì, dalle 13.30 alle 18). "Non è stato semplice fare offerta gradita perché le richieste erano varie. Proporre un'attività che fosse di tutta la giornata aveva costi che ritenevamo insostenibili per le famiglie. Abbiamo pensato di sostituirci all'offerta degli oratori, riempendo quello stesso spazio" ha proseguito Puttini. "Speriamo di offrire un servizio di qualità alle famiglie: abbiamo assicurato il mantenimento della sicurezza, senza indietreggiare dalle linee guida, nonostante le parziali aperture ricevute. L'impegno è stato massimo, l'ente gestore si assume le responsabilità della gestione. A me sembra una buona offerta". Il centro, che partirà solo per i bambini delle elementari, si terrà alla scuola primaria, che offre anche spazi all'aria aperta e ombreggiati.
"Per me è la scelta migliore, sapendo che verrà svolto in assoluta sicurezza e augurandoci di dare soddisfazione ai ragazzi e ai genitori" ha precisato il primo cittadino. "Abbiamo manifestato nei fatti che crediamo in Retesalute, non sulla carta o per orgoglio, ma perché anche in piena emergenza Covid non siamo stati lasciati soli dai servizi sociali. La nostra assistente sociale ha dovuto assentarsi e ne abbiamo avuta subito un'altra in sua sostituzione: il lavoro è quindi proseguito in continuità, senza perdere un giorno".
A questo proposito l'assessore Puttini ha voluto pubblicamente ringraziare il direttore uscente, Simona Milani "perché negli ultimi giorni ci ha lasciato con il pacchetto della preparazione del centro estivo. Noi siamo arrivati lunghi nel conferire l'incarico, ma lei ha fatto di tutto e di più per far andare avanti le cose. Come ha fatto sin dall'inizio di questi tre anni in cui ci siamo interessati, ci ha seguito passo passo, sempre disponibile e attenta al fatto che l'erogazione dei servizi alla persona fosse di una qualità eccellente".
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco