Scritto Mercoledý 12 gennaio 2022 alle 08:23

Barzago, Bulciago, Bevera: due progetti di solidarietà conclusi

È il secondo anno consecutivo che nella comunità pastorale Maria Regina degli Apostoli di Barzago, Bulciago e Bevera viene riproposta l'iniziativa solidale "Adotta una famiglia" e anche per questa edizione la generosità dei fedeli non è di certo mancata. Lo scopo della misura è quello di sostenere le famiglie della pastorale in un periodo come quello natalizio dove non ci si dovrebbe fare scrupoli sulla possibilità di poter aiutare il proprio prossimo. All'appello hanno infatti risposto più di 200 famiglie preparando più di 200 pacchi tra Barzago, Bevera e Bulciago.

Il parroco don Giovanni Colombo

"L'idea di Adotta una famiglia è nata nel Natale del 2020 ed è partita da alcune famiglie, in particolare delle mamme, che pensando ai loro figli in un Natale così particolare segnato da continue restrizioni volevano educarli ad un gesto di altruismo che facesse apprezzare loro la fortuna di cui comunque godevano nel poter essere in grado di aiutare gli altri" ha raccontato il parroco don Giovanni Colombo. "Come l'anno scorso, quindi, sono stati ripreparati i pacchi dopo che consiglio pastorale ha deciso di ripetere l'esperienza con grande entusiasmo. Chi voleva poteva preparare un pacco di alimenti per una famiglia con diversi componenti scegliendo quindi la dimensione e il contenuto del dono per meglio adeguarlo alle esigenze di famiglie più o meno numerose. I pacchi sono poi stati affidati ai collaboratori della Caritas che li hanno consegnati alle famiglie che l'associazione segue mensilmente. Quello che è avanzato dopo la consegna è stato condiviso con tutto il decanato".
Nello stesso periodo, la comunità pastorale ha sostenuto un altro importante progetto legato alla solidarietà oltre oceano, con la raccolta di fondi per finanziare il progetto di aiuto umanitario in risposta alla pandemia di covid-19 per le comunità indigene Warao dello stato Delta Amacuro in Venezuela. Si tratta di un progetto portato avanti dai padri della consolata con l'obbiettivo di arginare la diffusione del virus nelle comunità indigene Warao, nel delta dell'Amazzonia, dove i padri sono impegnati ad accompagnare le popolazioni nel processo di evangelizzazione e inculturazione nel vicariato in cui operano dal 2006. Anche per questa iniziativa la risposta della comunità non si è fatto di certo mancare, mostrando la propria disponibilità ad aiutare anche le persone bisognose più lontane.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco