Scritto Venerd́ 07 gennaio 2011 alle 14:13

I diritti dei lavoratori

Le trattative e gli accordi sindacali possono mettere in discussione tutto ma non la Costituzione repubblicana. Quello è un confine che non si può oltrepassare. Lo si deve rispettare sempre, senza se e senza ma, senza provare ad aggirarlo da furbetti. Gli accordi che la Fiat sta facendo passare in questi giorni, a Mirafiori ma anche a Pomigliano, violano la Costituzione repubblicana e per questo sono inaccettabili e irricevibili. L'art. 40 della Costituzione afferma che lo sciopero è "un diritto individuale ad esercizio collettivo". Significa che la decisione di scioperare o meno è una decisione individuale che ogni lavoratore deve poter prendere in piena e assoluta libertà. L'intesa di Mirafiori, che obbliga ogni dipendente a firmare un accordo in cui si impegna a non scioperare contro l'accordo stesso o contro qualche sua parte, viola la Costituzione. L'art. 39 della Costituzione assicura sia la libertà sindacale che la rappresentatività delle varie organizzazioni sindacali "in proporzione dei loro iscritti". A Mirafiori, invece, d'ora in poi non ci saranno più rappresentanze sindacali liberamente elette dai lavoratori ma "nominate" dai sindacati che firmano gli accordi. Siccome da che mondo è mondo gli accordi si firmano in due, sarà l'azienda a decidere chi può avere rappresentanza sindacale e poco male se si arriva al paradosso per cui il sindacato con la rappresentanza più numerosa finisce fuori dalla porta. L'Italia verrà usata come grande mercato per la vendita delle auto e come fonte di reperimento di quattrini, per poi salpare verso altre spiagge lasciando questo paese cornuto e mazziato.
Mail firmata
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco