Scritto Luned́ 14 febbraio 2011 alle 09:06

Viganò: presentazione della biblioteca e la messa con il vicario, alla festa di S.Apollonia

Grande successo per la Festa di Sant'Apollonia a Viganò, un tradizionale appuntamento che richiama ogni anno centinaia di visitatori da tutto il territorio. I festeggiamenti si sono aperti lo scorso mercoledì con la funzione religiosa, celebrata dal parroco di Missaglia don Albino Mandelli.



La giornata di domenica è stata sicuramente centrale per i numerosi fedeli, che sono accorsi presso la chiesa parrocchiale per la liturgia solenne delle ore 10, presieduta dal vicario episcopale di Lecco Mons. Bruno Molinari.



"Grazie a Monsignor Molinari per essere qui con noi oggi"
ha esordito il parroco, don Enrico Baramani "Preghiamo perchè anche noi, come S. Apollonia, possiamo essere testimoni convinti e grintosi di Cristo".



Un messaggio di speranza quello che Molinari ha poi espresso durante l'omelia: "Quella di oggi è una festa profumata: è il profumo della santità a cui tutti siamo chiamati. Mentre viviamo questa bella tradizione, facciamo anche in modo che venga trasmessa anche alle giovani generazioni.



L'esempio di questa Santa è importante, perchè anche in tempi come questi di egoismo, povertà d'amore e crisi dei valori i Santi ci aiutano a capire che Dio ci è vicino e ci ama. E' necessario tornare all'essenziale, a quei valori saldi e perenni della carità cristiana"
.
Il vicario ha poi ricordato la Giornata della Solidarietà, propria della seconda domenica di febbraio: "Quella della santità è anche un esempio per ricordarci di mettere in pratica stili di vita sobri e solidali. Pensiamo allora anche a condividere la nostra grazia e fortuna con chi invece è in difficoltà".  Significativo al termine della messa è stato il bacio alla reliquia.



Accanto a momenti liturgici non sono però mancati aspetti di vita mondana. Per tutta la giornata erano infatti presenti in centro mercatini, bancarelle e giostre. Non poteva poi mancare la vendita dei tradizionali "ravioli dolci", una specialità che si tramanda di madre in figlia la cui ricetta ancora oggi rimane segreta.



Accanto alla vendita dei dolci gestita da volontari, in oratorio vi era anche la pesca di beneficienza e la lotteria.



Nella palestra comunale si poteva poi visitare l'esposizione di "Bambole e Balocchi", una mostra di vecchi giocattoli dei viganesi.



Qui si poteva anche visitare la "Creatività viganese", un momento dove gli "hobbisti-artigiani" locali esponevano le loro produzioni.



Tra i manufatti esposti vi erano ceramiche e stoffe decorate a mano, porcellane dipinte e decorazioni in legno.



Nel corso della giornata, era inoltre possibile visitare la nuova biblioteca di Piazza Don Gaffuri. Dopo diversi anni di ristrutturazione, la vecchia struttura del Municipio ora è stata messa a nuovo ed ospita la biblioteca comunale accanto alla scuola elementare.



A breve partiranno infatti anche dei progetti di collaborazione fra la biblioteca ed i bambini delle scuole.

Simona Alagia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco