Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 231.578.594
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 15 febbraio 2017 alle 12:16

30 anni fa/16: timori per le sorti dell'Agrati-Garelli, confronto tra i sindaci e l'azienda. Settimo ''colpo'' alla Posta di Maresso

Un vertice tra la proprietà e i sindaci del casatese per conoscere le prospettive del ''colosso'' Agrati-Garelli con sede produttiva a Cortenuova di Monticello, a seguito della richiesta di amministrazione controllata avanzata dinnanzi al tribunale di Lecco.

Un presidio dei lavoratori dell'Agrati-Garelli all'esterno dei cancelli dell'azienda, in Via Immacolata a Cortenuova

Sul finire del mese di gennaio 1987 è forte la preoccupazione rispetto alle sorti dell'azienda, nella quale operano circa quattrocentro lavoratori. Il primo cittadino monticellese Vittorio Cazzaniga, raccogliendo l'invito dei sindacati e dei dipendenti organizza un ''faccia a faccia'' con gli esponenti della famiglia Agrati, alla presenza anche dei sindaci di Casatenovo, Besana, Barzanò, Renate, Viganò, Sirtori, Missaglia, Cremella, Cassago, ovvero l'ampio bacino territoriale dal quale provengono i lavoratori dell'azienda produttrice di ciclomotori, nota a livello internazionale.
Se la disponibilità manifestata dall'azienda rappresenta un segnale positivo per gli amministratori, tra i dipendenti monta la protesta, con una serie di iniziative intraprese tra le quali il blocco dei cancelli, della produzione e un presidio presso il vicino mercato di Barzanò, per rendere il più possibile nota la situazione di crisi e le sue eventuali conseguenze economico-sociali.

Il sindaco di Monticello, Vittorio Cazzaniga

La cronaca nera intanto si arricchisce di due gravi episodi. A Maresso di Missaglia viene rapinato l'ufficio postale: due banditi armati di pistola fanno irruzione nei locali di Via Manzoni, minacciando il direttore e le due impiegate allo sportello. Dopo essersi fatti consegnare i soldi contenuti nella cassaforte - 8milioni di lire - i banditi si danno alla fuga verso l'esterno, dove ad attenderli c'è un complice a bordo di una Fiat 128 di colore blu, subito fuggita in direzione Lomagna.
Scattato l'allarme alle forze dell'ordine - non senza difficoltà, visto che i malviventi strappano i fili del telefono per ritardare la chiamata - sul posto si portano i carabinieri della stazione di Missaglia e i colleghi del nucleo radiomobile di Lecco, che danno il via alle indagini per risalire ai responsabili della rapina. Sconvolti i dipendenti dell'ufficio postale maressese, non nuovo a episodi di questo tipo: si tratta infatti del settimo colpo messo a segno ai danni dell'esercizio pubblico in pochi anni. E subito monta la protesta rispetto alla scarsa sicurezza dell'ufficio e alla necessità di trovargli un'altra collocazione.

Una vecchia immagine dell'Inrca di Monteregio a Casatenovo

A inizio febbraio invece, nella vicina Barzago, un commando di malviventi sequestra tre persone all'interno di un noto ristorante. La banda penetra nell'albergo poco dopo la mezzanotte, per mettere a segno probabilmente un semplice furto. La presenza di una dipendente che alla vista dei banditi inizia ad urlare chiedendo aiuto, spinge i balordi a ''tenere d'occhio'' anche il direttore e l'unico cliente ospite della struttura, asportando nel frattempo un milione di lire in contanti e un televisore. Prima di dileguarsi, i ladri strappano i fili del telefono, per impedire alle vittime di poter lanciare subito l'allarme ai carabinieri.

Il consigliere casatese Giancarlo Rizzo e il sindaco Giovanni Maldini

Sul fronte politico invece, desta curiosità la proposta del consigliere repubblicano di Casatenovo, Giancarlo Rizzo, che lancia l'ipotesi di realizzare una casa di riposo diurna, per offrire un pasto caldo, una sala per chiacchierare in tranquillità e un servizio di lavanderia e stireria agli anziani in difficoltà residenti in paese. Un argomento che sarà oggetto di un vivace dibattito in consiglio comunale, avendo Rizzo presentato un'interpellanza ''ad hoc'' sull'argomento. Sulla scrivania del sindaco Giovanni Maldini arriva intanto una lettera di protesta che riguarda Via Monteregio, ritenuta insicura sia dai residenti che dai lavoratori dell'Inrca, in quanto resasi qualche volta scenario di incidenti, purtroppo anche mortali. A questo proposito il consigliere del PCI Antonio Colombo presenta un'interpellanza da discutere in consiglio comunale per chiedere alla maggioranza quali interventi si intendono adottare per garantire una percorribilità sicura all'arteria: dai marciapiedi, a eventuali percorsi pedonali, passando per un'opportuna segnaletica stradale.

Il parroco viganese don Fausto Tuissi

A Viganò infine, si assiste al trasferimento delle suore preziosine, che dopo cinquant'anni di onorato servizio lasciano il paese e in particolare la scuola dell'infanzia, dove sono considerate un vero e proprio punto di riferimento. Un addio dovuto alla decisione della Casa Madre della congregazione di richiamarle a sè, per destinarle in una sede con maggiori necessità, stante anche il calo di vocazioni femminili. Commossa la funzione di saluto alle suore, celebrata dal parroco don Fausto Tuissi, ''maestro'' del giovane Angelo Scola, oggi arcivescovo della diocesi di Milano.
Articoli correlati:
18.01.2017 - 30 anni fa/15: l'Agrati-Garelli annuncia 159 esuberi. Ritardo sui lavori per la piscina e a Cremella problemi con i...visoni
01.01.2017 - 30 anni fa/14: il 1986 ''si chiude'' con una rapina alle Poste di Monticello e una banda dedita allo spaccio sgominata dai CC
06.12.2016 - 30 anni fa/13: ipotesi scuola di musica a V.Mariani, mentre a Missaglia si insedia un aeroporto. Un ''giallo'' alla Grande Casa
17.11.2016 - 30 anni fa/12: in forse il centro alla Colombina, residenti sul ''piede di guerra''. A Barzanò timori per la chiusura dell'USSL
14.10.2016 - 30 anni fa/11: a Casatenovo polemiche per l'acqua...rossa e le minoranze criticano il Prg. Furti e arresti riempiono le cronache
21.09.2016 - 30 anni fa/10: a Campofiorenzo il cardinal Martini inaugura la nuova chiesa. Rapina in villa e un 18enne muore in un sinistro
27.07.2016 - 30 anni fa/9: guasto alla rete idrica, Casatenovo senza..acqua. A Barzanò il preside va in pensione e Monticello lavora al Prg
02.07.2016 - 30 anni fa/8: che futuro per il Monastero di Missaglia? Nuova area industriale a Cortenuova e a Casatenovo in scena il Palio
12.06.2016 - 30 anni fa/7: ''La Colombina chiede un centro sociale. Al via i lavori per le piscine, a Besana timori per le sorti del 'Viarana'
13.05.2016 - 30 anni fa/6: la ''banda dei municipi'' colpisce anche a Viganò. A Casatenovo si lavora per salvare Villa Facchi e Villa Mariani
12.04.2016 - 30 anni fa/5: a Casatenovo preoccupa il traffico, oltre 2mila mezzi ogni ora sulla ''Santa''. Nuova ondata di furti e truffe
20.03.2016 - 30 anni fa/4: tenenza dei carabinieri, Merate e Casatenovo se la contendono. Barzanò, alle medie si può insegnare l'inglese
01.03.2016 - 30 anni fa/3: un ''fronte del no'' contro la Usmate-Nibionno. Riapre la biblioteca di Monticello, chiude l'Enel a Cremella
17.02.2016 - 30 anni fa/2: due banditi armati rapinano la BPL di Casatenovo. A Monticello preoccupa la collina, a Besana ''vertice'' sul treno
07.02.2016 - 30 anni fa/1: rapina in banca, furti e gravi incidenti stradali. La maggioranza casatese in crisi, al via la gara per la piscina
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco