Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 242.272.273
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 07 maggio 2017 alle 19:11

Rogeno: 1.300 iscritti alla camminata ''Tra natura e fantasia'', il percorso per bambini

Non si placa il successo di "Tra natura e fantasia", la passeggiata animata nel bosco del lago. La manifestazione, interamente dedicata ai bambini e alle loro famiglie, è organizzata dal Gruppo amici della scuola dell'infanzia "A. Ratti" di Rogeno che, in modo volontario, si adopera per inventare ogni anno una nuova storia e per rinnovare i laboratori (quest'anno sono stati proposti un "memory" a misura di bambino e il mondo fantastico), sebbene il contesto resti sempre il medesimo: il bosco sopra il lago, nella zona vicina al confine con Merone.

L’artista con la gazza

Alcune immagini del villaggio dei folletti


La camminata, rinviata dallo scorso marzo, si è tenuta nella giornata di domenica 7 maggio: 1.300 gli iscritti, suddivisi in tredici gruppi formati da un centinaio di persone che hanno sfidato le nuvole e il terreno bagnato, prendendo parte all'iniziativa.
Alla manifestazione sono inoltre intervenuti il sindaco Antonio Martone, Alessandro Falanga direttore dell'autorità di bacino e Alfredo Viganò, vice presidente del Parco Valle Lambro che hanno effettuato il percorso, premiato nel 2013 con una sovvenzione ministeriale.

L’incontro con il cappellaio matto

Il tema attorno a cui è ruotata la storia è la vicenda di un "esserino" in legno, scappato poco prima che un artista riuscisse ad utilizzarlo per completare la sua opera d'arte. I bambini hanno quindi visitato il villaggio dei folletti, lasciato in disordine dal passaggio turbolento dell'esserino, che è passato davanti agli occhi degli abitanti con una tale rapidità tale da non riuscire quasi a vederlo.

VIDEO


Il cappellaio matto ha poi introdotto i partecipanti nel mondo magico, abitato da una gallina delle uova d'oro che non era più in grado di fare le uova d'oro, ma solo in cioccolato (a ciascun bimbo è stato offerto un ovetto) e da un druido, una maga e una cartomante. Proprio qui si è scoperto che l'esserino ha bevuto la pozione magica ideata dal druido, motivo per cui ha iniziato a vorticare rapidamente e senza sosta nel bosco.

 

 

Nessuno è riuscito a capire che direzione abbia preso perchè, volando, ha sparso per il prato le carte con cui la cartomante avrebbe potuto individuarlo.
I bambini incontrano poi un ambulante in bicicletta che non ha potuto regalare i dolcetti che vendeva in quanto l'esserino è passato dalla sua postazione, mettendola sotto sopra.
Sono poi seguiti gli incontri con il gatto e la volpe, sorpresi nell'atto di seminare le monete d'oro e con il grillo parlante che ha fornito utili consigli ai bambini, chiedendo loro cosa hanno visto di giusto e di sbagliato.

La postazione della gallina con le uova d’oro

La balena nel lago

Infine, raggiunto il lago, i bambini hanno potuto vedere l'esserino a terra, espulso dal ventre di una balena. A questo punto la fata Puntina ha tirato le fila della storia, dando la morale e facendo capire ai bambini l'importanza di sistemare dopo aver messo tutto sottosopra. Prima di raggiungere uscita, ciascun bimbo ha ottenuto il diploma per aver concluso il percorso.
Il percorso, animato da personaggi magici, è espressione del metodo didattico attivo-esperienziale avviato dalla scuola dell'infanzia "A. Ratti" e portato avanti con successo perchè consente di riscoprire la natura attraverso l'attività sensoriale di stimolare la fantasia grazie ai racconti delle creature magiche incontrate, anche mediante l'interazione attiva tra i bambini. La passeggiata quest'anno ha visto un maggiore coinvolgimento dei piccoli, mentre ci sono stati pochi punti in cui è stata raccontata la storia.

Il luogo della consegna dei diplomi

Ogni anno la fantasia è protagonista di una nuova storia ambientata nel bosco. Un lavoro che deve la sua realizzazione alla collaborazione di realtà associative: il gruppo teatrale I tre pensieri, la Pro Loco, il punto di incontro di Casletto e Brianza Laghi.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco