Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.701.802
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 15 luglio 2017 alle 17:15

La grandine falcia la Brianza: zucche crivellate, colpito il 60% del mais

Zucche crivellate dalle biglie di ghiaccio, il 60% del mais devastato, campi di pomodoro distrutti, peperoni e melanzane danneggiati. È il bilancio provvisorio del monitoraggio condotto dalla Coldiretti di Milano, Lodi, Monza Brianza, sul maltempo che questa notte ha colpito la Brianza, a nord est di Milano con una violenta grandinata nel quadrilatero tra Villasanta, Arcore, Vimercate e Concorezzo. Tra l'una e le due di questa notte - spiega la Coldiretti - forti temporali e intense raffiche di vento hanno colpito la provincia di Monza e Brianza: nella zona tra Vimercate e Monza chicchi di ghiaccio grossi come noci si sono abbattuti sui campi coltivati, mentre l'area tra Aicurzio e Ornago è stata colpita da una violenta tempesta di pioggia e vento.
"Dieci minuti di grandine e le mie zucche si sono come disintegrate - racconta Giuliano Fumagalli, orticoltore di Oreno di Vimercate, mentre fa la conta dei danni -, la produzione è completamente azzerata. Sul pomodoro posso stimare un 50% di danni, mentre sulle melanzane la perdita è pari a circa 20 giorni di produzione. La grandine non mi ha risparmiato nemmeno i peperoni". Sempre fra Vimercate e Monza, Cesare Biffi, coltivatore di cereali, si è trovato i campi devastati: "Almeno il 60% del mais è stato falciato, le piante sono in piedi, ma non hanno più una foglia e le pannocchie sono così rovinate che non potranno più essere destinate nemmeno all'alimentazione degli animali. Anche la soia è stata colpita, ma qui forse qualcosa si recupera, staremo a vedere".
Nell'ultimo decennio - conclude la Coldiretti - la conta dei danni da maltempo a livello nazionale ha superato i 14 miliardi di euro. "Dobbiamo fronteggiare un andamento climatico sempre più estremo e imprevedibile - spiega Alessandro Rota, Presidente della Coldiretti di Milano, Lodi, Monza e Brianza - che alterna afa e siccità a violenti acquazzoni e tempeste, con repentini sbalzi di temperatura. Quest'anno abbiamo dovuto fare i conti con un inverno senza acqua, gelate fuori stagione in primavera, trombe d'aria e ora violente grandinate. Più che il normale scorrere delle stagioni, sembra un percorso di guerra".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco