Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.935.717
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 17 luglio 2017 alle 22:34

Casatenovo: tantissimi gli eventi per la domenica di Festa del Paese

E...la festa continua. Dopo la grande partecipazione registrata sabato sera dalla prima Notte Bianca di Casate, organizzata dall'amministrazione comunale con la neonata Associazione Commercianti Casatesi e la Pro Loco, la Festa del Paese 2017 è proseguita per tutta la giornata di domenica.

Un momento di Sentierando in Brianza

Un appuntamento diventato ormai imperdibile per tantissimi, piccoli e grandi, e che affonda le sue radici nella tradizione casatese, con la terza domenica di luglio giorno di festa per Casate, in occasione della ricorrenza della Madonna del Carmelo, copatrona della parrocchia San Giorgio. In mattinata, anche la messa solenne animata dal coro Santa Felicita.
A partire dalle prime luci del mattino, le strade del paese sono rimaste chiuse al traffico, creando una grande isola pedonale che ha permesso a tantissime famiglie, dai più piccoli ai ragazzi, giovani e adulti, di passeggiare in libertà per le vie del centro. Sulle strade numerosi stand delle associazioni casatesi e del territorio, che hanno presentato ai visitatori le loro iniziative, oltre a bancarelle ed espositori di hobbisti e artigiani. Per tutti anche la possibilità di fare shopping nei negozi o di assaggiare prelibatezze e piatti della tradizione locale.

Da sinistra Francesco Biffi e Aldo Villa

A destra Roberto Picchi

E a proposito di tradizioni, sono stati circa una trentina i casatesi che si sono messi in cammino dietro la guida dei volontari di Sentieri e Cascine per l'ottava edizione di Sentierando, alla scoperta dei segreti e delle curiosità delle tradizioni casatesi.
Dal cimitero locale fino a Torriggia, le protagoniste sono state le icone e gli affreschi raffiguranti la Madonna del Carmelo. "La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo apparve al carmelitano Simone Stock a cui consegnò uno scapolare. Per questo, viene di solito raffigurata con uno scapolare e il Bambino in braccio", ha spiegato Aldo Villa, professore ed esperto di segni del sacro.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


"Queste effigi venivano poste fuori dalle cascine, disegnate da artisti e pittori di strada itineranti, per proteggere chiunque vivesse o lavorasse all'interno o vi passasse accanto. Oltre alla Madonna del Carmelo, altre due effigi molto comuni nelle cascine casatesi sono San Sebastiano e San Giobbe. A Casatenovo, la località Monte Carmelo prende origine da Villa Monte Carmelo, nome dato ad uno degli edifici in zona perchè le proprietarie erano molto devote alla Madonna del Carmelo, di cui conservavano gelosamente una statua in gesso"
, hanno spiegato Villa e Francesco Biffi, presidente di Sentieri e Cascine. Con loro, a guidare il gruppo da Torriggia fino alle sorgenti della Nava e alla scoperta dei bellissimi dipinti della chiesina dell'oratorio San Giorgio - tra cui le opere dell'artista Trento Longaretti - e dell'oratorio maschile anche Pinuccio Mariani, Giampietro Beretta e Roberto Picchi.


Nel pomeriggio, il centro casatese è diventato lo scenario per bellissime storie ed avventure fantastiche, grazie alla voce e all'impegno del CSS La Mia Casa e CSE3 Artimedia, mentre Diego Draghi ha intrattenuto il pubblico con lo street show Fuori Pista. Davanti al comune via anche al laboratorio di Circco di spazio Bizzarro. In Casa di Riposo Monzini, invece, in scena il laboratorio d'arte partecipativa con l'artista casatese Roberto Picchi. "Grazie anche all'aiuto della responsabile del servizio di animazione sociale, abbiamo creato con tutti i presenti un'opera d'arte di sette metri, intitolata Legami: ci sono legami tra i segni e i colori e tra tutti coloro che hanno partecipato", ha spiegato Picchi. Non è mancata la musica: dopo aver colorato la Notte in Bianco con le sue note, il Boz Trio - Rouben Vitali clarinetto, Luca Pedeferri fisarmonica, Davide Longoni chitarra e Simone Draetta violino -, nell'ambito del Festival Suoni Mobili organizzato dall'associazione Musicamorfosi con il Consorzio Villa Greppi, ha infatti sfilato per le vie del paese a bordo della Bat Mobile, regalando i suoi ritmi inconfondibili a tutti i presenti.

Il concerto in Villa Lurani Cernuschi

In serata, infine, dopo la tradizionale processione dedicata alla Madonna del Carmelo e organizzata dalla parrocchia, il bellissimo parco di Villa Lurani Cernuschi ha fatto da cornice suggestiva per le note dell'orchestra Lirico Sinfonica Sinfolario, diretta dal maestro Roberto Gianola e con Hiroko Morita, soprano, e Matteo Jin, baritono, che si sono esibiti nel concerto "Una voce poco fa". L'evento, organizzato dalla Pro Loco a favore del restauro di Santa Margherita e Santa Giustina, ha permesso al pubblico di apprezzare le arie tratte dalle opere più famose.
L.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco