Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.869.345
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 27 settembre 2017 alle 10:32

Raccolta firme per la campagna ''Ero straniero''

Il Comitato Noi tutti migranti raccoglie firme
per la campagna "Ero straniero - L'umanità che fa bene"

Prosegue la raccolta di firme per la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare per cambiare le politiche sull'immigrazione in Italia, per governare in modo efficace e nel rispetto dei diritti il fenomeno dei flussi migratori, puntando su accoglienza, lavoro, inclusione e trasformandolo in opportunità per il Paese.

Questi gli obiettivi di "Ero straniero - L'umanità che fa bene": la legge di iniziativa popolare per superare la Bossi-Fini e la campagna culturale che la sostiene, promossa da Radicali Italiani con Emma Bonino, Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani", ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, con il sostegno di numerose organizzazioni impegnate sul fronte dell'immigrazione, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes, Comunità di Sant'Egidio, CGIL, Federazione Chiese Evangeliche Italiane e il supporto di una rete che conta oltre 120 sindaci. La proposta di legge di iniziativa popolare è intitolata "Nuove norme per la promozione del regolare soggiorno e dell'inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari" ed è composta da otto articoli che, in sintesi, prevedono:

Introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo, valido 12 mesi, per la ricerca di occupazione e attività d'intermediazione tra datori di lavoro italiani e lavoratori stranieri non comunitari;
Reintroduzione del sistema dello sponsor (sistema a chiamata diretta), anche da parte di singoli privati, per l'inserimento nel mercato del lavoro del cittadino straniero con la garanzia di risorse finanziarie adeguate e disponibilità di un alloggio per il periodo di permanenza sul territorio nazionale, agevolando in primo luogo quanti abbiano già avuto precedenti esperienze lavorative in Italia;
Regolarizzazione su base individuale degli stranieri "radicati" che si trovino in situazione di soggiorno irregolare, dove sia dimostrabile l'esistenza in Italia di un'attività lavorativa o di comprovati legami familiari o l'assenza di legami concreti con il paese di origine;
Nuovi standard per riconoscere le qualifiche professionali, non solo su base del titolo acquisito all'estero, ma anche attraverso procedure di accertamento standardizzate;
Misure per l'inclusione attraverso il lavoro dei richiedenti asilo, anche attraverso l'ampliamento del sistema Sprar puntando su un'accoglienza diffusa capillarmente nel territorio con piccoli numeri, rafforzando il legame territorio/accoglienza/inclusione attraverso tre azioni essenziali: apprendimento della lingua, formazione professionale, accesso al lavoro;
Godimento dei diritti previdenziali e di sicurezza sociale maturati ai lavoratori extracomunitari che decidono di rimpatriare definitivamente, a prescindere da accordi di reciprocità tra l'Italia e il paese di origine;
Uguaglianza nelle prestazioni di sicurezza sociale, eliminando tutte le disposizioni che richiedono il requisito del permesso di lungo periodo;
Garanzie per un reale diritto alla salute dei cittadini stranieri, prevedendo interventi legislativi a livello nazionale affinché tutte le Regioni diano completa e uniforme attuazione a quanto previsto dalla normativa vigente in materia di accesso alle cure per gli stranieri non iscrivibili al Sistema sanitario nazionale;
Effettiva partecipazione alla vita democratica, prevedendo l'elettorato attivo e passivo per le elezioni amministrative a favore degli stranieri titolari del permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo;
Abolizione del reato di clandestinità.

Il Coordinamento "Noi tutti migranti" di Lecco,
ha aderito alla Campagna e ricorda di seguito i prossimi appuntamenti nella città di Lecco per chi vuole mettere la propria firma sulla proposta di legge di iniziativa popolare.
Dove firmare:
28/9 Ore 9 / 11 - Camera del Lavoro di Via Besonda Inf. 11
30/9 Ore 14 / 17- Immagimondo - P.za Garibaldi - Tensostruttura (Pani del Mediterraneo)
1/10 Ore 14 / 17 - Immagimondo - P.za Garibaldi - Tensostruttura
7/10 pomeriggio - Manifesta - "Giustizia riparativa" - Sala don Ticozzi
8/10 h. 9 / 18 - Manifesta - Piazza XX settembre - Stand ARCI

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco