Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.875.527
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Sabato 30 settembre 2017 alle 18:22

Bulciago: ex cementeria, Sicor/Teva e P.L. Conte Riccardi i temi sviscerati in consiglio

Il consiglio comunale di Bulciago di giovedì 28 settembre ha visto la presenza dell'architetto Anna Maria Sacco che, in qualità di responsabile dell'ufficio tecnico, ha offerto il suo contributo nella spiegazione di alcuni dei punti all'ordine del giorno.
Per quanto riguarda il Piano di Lottizzazione intercomunale "Gambaione" (area ex "cementeria") è intervenuto prima l'assessore ai lavori pubblici Tonino Filippone, spiegando come "l'approvazione dell'atto arrivi in ritardo visti gli interventi di sistemazione richiesti dalla ciminiera e accettati dal curatore fallimentare per un importo di circa 70.000 euro".

L'assessore Tonino Filippone e l'architetto Anna Maria Sacco

La responsabile dell'ufficio tecnico ha aggiunto che "la ciminiera è stata mantenuta come testimonianza della presenza industriale nella zona, mettendola in sicurezza, abbassandola e rifacendo le cerchiature". L'ultima parola è toccata al sindaco Luca Cattaneo che ha rivendicato il "buon risultato della trattativa con l'azienda", evidenziando però, anche l'impatto che "quel manufatto" rischierà di avere in futuro sulle casse comunali. "Il prossimo controllo è previsto tra cinque anni" ha ribadito, in ogni caso, l'assessore Filippone, soddisfatto per aver superato le resistenze dell'azienda, disposta inizialmente a finanziare i lavori per un importo di soli 5000 euro.
Anche sul secondo punto all'ordine del giorno, il Piano Integrato di Intervento "Conte Riccardi Comparto II", ha preso la parola l'architetta Sacco che è scesa nei dettagli della "realizzazione del condominio in via Don Guanella e via Papa Giovanni XXIII". Il fallimento dell'azienda che si era aggiudicata i lavori non ha permesso ad oggi la conclusione di tutto il progetto ma l'amministrazione Cattaneo è riuscita a portare a casa la fideiussione dei parcheggi. "Abbiamo incassato circa 83.000 euro per quanto non versato la ditta Fumagalli" ha chiosato il sindaco.


La discussione sugli aspetti urbanistici è proseguita su iniziativa dell'assessore Filippone che ha voluto aggiornare i consiglieri sulla trattativa con l'azienda Sicor/Teva per la bonifica dell'area circostante. "L'intervento lo paga la ditta precedente in accordo con quella attuale" ha detto senza rinunciare a qualche ''frecciata'' agli ex amministratori: "siamo dovuti intervenire per rimediare una situazione creatasi negli anni '80 contro cui già ci eravamo schierati a suo tempo anche con persone che oggi siedono nel pubblico". Pur ammettendo di non aver pubblicizzato su Facebook l'azione del Comune, ha ribadito in ogni caso che "la bonifica è una priorità".
Finita la discussione sugli aspetti urbanistici ai diversi angoli di Bulciago, il consiglio comunale è proseguito, affrontando la convenzione per l'utilizzo del centro raccolta differenziata rifiuti intercomunale e il regolamento per la nuova "isola del riuso". Ancora una volta è stato l'assessore Filippone a illustrare entrambi i punti, spalleggiato dalla vicesindaca Puricelli.

L'assessore Raffaella Puricelli e il sindaco Luca Cattaneo
 
"Questa convezione tra Bulciago, Barzago, Garbagnate Monastero e Molteno viene rinnovata per i prossimi venticinque anni, lasciando aperta la porta a altri enti nel caso vogliano entrare. Il 7 ottobre verrà inaugurato il centro raccolta differenziata a cui si potrà accedere con la tessera sanitaria di tutti i maggiorenni residenti" ha annunciato, aggiungendo che, oltre alle famiglie, saranno coinvolte anche "le aziende dotate di un badge speciale". Nell'innovativa "isola del riuso" invece, "sarà destinato materiale non deteriorato che potrà essere recuperato in cambio di una piccola offerta per un massimo di venti euro": mobili, arredamenti, piccoli elettrodomestici, utensili per lavori di casa o di giardino, oggetti di svago, stoviglie, attrezzatura sportiva e articoli per la prima infanzia sono solo alcuni dei materiali che potranno essere portati e recuperati all' "isola del riuso".


Prima dell'approvazione di questi due punti all'ordine del giorno, è intervenuta anche la vicesindaca Puricelli che ha definito la convenzione tra i quattro comuni un "esempio di buone pratiche di piccoli comuni con una serie di obblighi spettanti a ciascuno", individuando poi nella "isola del riuso" una traduzione concreta di parole come "innovazione, solidarietà e attività sociale".
Il consiglio comunale ha quindi affrontato gli ultimi tre punti all'ordine del giorno, relativi a aspetti finanziari e amministrativi del comune di Bulciago. Prima l'aggiornamento del Documento Unico di Programmazione 2017/2019, dovuta alla mobilità di una delle dipendenti del comune a cui si è cercato di dare risposta prima con un bando andato vuoto e ora con un nuovo bando leggermente diverso e destinato a uscire nei primi di ottobre. Infine il consiglio comunale ha votato a favore del progetto di scissione parziale di "Valbe servizi SPA" in "Como Acque" che "è il frutto di un'intesa con un paletto importante: toccherà alla società e non ai singoli comuni la liquidazione delle spese verso i comuni del Comasco".


In questo modo "l'operazione sarà a costo zero" e anzi, si aumenterà la quota di partecipazione di Bulciago in "Lario Reti Holding". In aggiunta, in riferimento alla revisione straordinaria delle partecipazioni comunali, il consiglio comunale ha anche approvato la dismissione della quota societaria di Bulciago in Villa Serena SpA che "si occupa di servizi alla persona", secondo gli accordi intercorsi con gli altri comuni coinvolti.
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco