Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 243.239.775
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 31 ottobre 2017 alle 17:01

Dolzago: per la Terza età, un incontro sui soccorsi sanitari

Nel pomeriggio di lunedì 30 ottobre, il comune di Dolzago in collaborazione con lo Spazio Terza Età ha organizzato un incontro formativo con due professionisti sanitari, avvenuto nella sala consiliare del municipio.


A prendere parola per primo l'infermiere Pietro Ciceri, soccorritore del 118, che ha trattato il tema dei servizi di intervento parlando del nuovo numero d'emergenza attivato negli anni scorsi in via sperimentale in Lombardia. "Il 112 è un numero unico - ha spiegato - per ottenere, chiamando, il servizio di cui si ha bisogno. Questo serve per evitare di occupare le linee inutilmente e fare errori".
La comodità della nuova linea ha raccolto il consenso dei partecipanti, spesso tratti in confusione dai troppi numeri di riferimento a tre cifre.

A sinistra l'assessore Beatrice Civillini

Attraverso diapositive di presentazione, Ciceri ha elencato i vari mezzi di soccorso attivi sul territorio oggionese, garantendo il pronto intervento - in caso di necessità - della MSI (mezzo di soccorso intermedio) di Castello Brianza, luogo scelto perché a metà strada tra il Lecchese ed il Meratese, che al contempo si trova in un punto favorevole per i comuni adiacenti, come Dolzago.

Marco Valsecchi

La spiegazione è proseguita con aneddoti e raccomandazioni qualora si dovessero chiamare i soccorsi. "E' importante dire dove vi trovate, se è possibile anche la via altrimenti un punto di riferimento e poi cercare di capire se la persona colta da malore o ferita possa parlare e, quindi, descrivere la situazione".
Dopo essersi soffermato sulle diverse tipologie di traumi e su come affrontarli in attesa dell'arrivo dell'ambulanza, il professionista ha ceduto la parola al collega Marco Valsecchi che opera come infermiere presso il Valduce di Como. Il giovane ha illustrato i codici di intervento che vengono assegnati presso le strutture ospedaliere con relative differenze e modalità di definizione.


Il pomeriggio si è concluso con le domande dei presenti, per la maggior parte incentrate su "come affrontare il problema mentre si aspetta il medico o l'infermiere".
A.Ba.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco