Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.471.892
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 31/10/19

Lecco: V.Sora: 32 µg/mc
Merate: 42 µg/mc
Valmadrera: 32 µg/mc
Colico: 35 µg/mc
Moggio: 68 µg/mc
Scritto Giovedì 09 novembre 2017 alle 19:46

Garbagnate: 350.000 € per progetti sulla scuola. Per Colombo manca il programma

La voce della variazione di bilancio del comune di Garbagnate Monastero che ha concentrato l'attenzione del consiglio comunale e le critiche del gruppo di minoranza "Tradizione e futuro" è stata quella delle risorse destinate alla scuola primaria.
I 350.000 euro inizialmente inseriti nella programmazione per l'ampliamento dell'edificio sono stati destinati al progetto di riqualificazione anti sismica e al rispetto della normativa sull'anti incendio.

I consiglieri di Garbagnate Monastero

"La perplessità è sull'avanzo di 36.000 euro giacenti dal mese di luglio. Bisognerebbe usarli, ma l'amministrazione ne ha deciso di suddividere così la quota: 6.000 euro per le evenienze e 30.000 euro per il progetto antisismico nelle scuole. Per gli interventi di edilizia scolastica abbiamo usato lo sblocca scuole e dunque ora rimettiamo della moneta fresca per fare manutenzione? Il problema non è che mancano i soldi, ma la programmazione" ha subito attaccato il capogruppo Mauro Colombo. "Nonostante i 350.000 euro che sono stati accantonati per realizzare l'ampliamento, questo non verrà fatto. Sono stati girati per la sistemazione dell'anti sismico e anti incendio. Quello che questo gruppo ha presentato in realtà erano solo sogni. Oggi abbiamo dimostrato che non sono stati in grado di fare un progetto. E' giusto approvare i progetti antisismico e antincendi perché i nostri ragazzi devono stare in scuole sicure, ma se ci sono programmi devono essere rispettati. Sono certo che tornerà a galla quello che qualche anno fa l'ufficio tecnico aveva presentato come soluzione migliore per la scuola".
Ha tagliato corto il sindaco Sergio Ravasi: "La sua affermazione lascia il tempo che trova. Riteniamo più giusto intervenire sull'anti sismico e l'anti incendio per garantire la sicurezza a tutti i bambini che frequentano la scuola primaria. In un secondo momento valuteremo il destino della scuola, se realizzare una nuova ala, oppure se fare un passo indietro facendo quello che suggeriva qualche anno fa l'ufficio tecnico".

I consiglieri di minoranza

Ha fornito una spiegazione tecnica il tecnico comunale Pietro Sola. "Lo sblocca bilancio era per 320.000 euro legati alla scuola: 130.00 euro sono stati utilizzati per la sostituzione dei serramenti. Il lavoro è stato progettato, appaltato dalla Provincia e l'intervento verrà fatto il sabato e la domenica per non interferire con le esigenze scolastiche. Una parte dell'avanzo di bilancio, quei 30.000 euro, sono stati utilizzati per finanziare il progetto dell'antincendio". Secondo l'architetto finché non esiste uno studio di fattibilità, è superflua anche ogni programmazione che vada al di là di quanto già attuato dalla maggioranza consiliare.
"L'amministrazione però dovrà decidere presto come agire sulla scuola: entro la fine dell'anno dovrà essere bandita la gara, altrimenti il comune perde possibilità di utilizzare l'avanzo. Su cosa si farò dopo, invece, ci sarà modo di approfondire in futuro" ha aggiunto l'architetto Sola.
La variazione di bilancio è stata approvata con il voto contrario dei due gruppi di minoranza.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco