Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 230.714.918
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 30/06/2020

Lecco: V.Sora: 118 g/mc
Merate: 149 µg/mc
Valmadrera: 152 µg/mc
Colico: 125 µg/mc
Moggio: 150 µg/mc
Scritto Mercoledì 20 dicembre 2017 alle 11:09

'Multi-utility' del Nord della Lombardia. Di che cosa stiamo parlando

Gentile direttore,
il territorio lecchese è al centro di un'operazione industriale tra alcune importanti multi-utilities locali che si occupano di gas ed energia elettrica. Obiettivo annunciato: la grande "Multi-utility del Nord della Lombardia". La società Lario Reti Holding -che è posseduta dagli enti locali delle province di Lecco e Como- dovrebbe "fondere" le "sue" ACEL Service e Lario Reti Gas con ACSM-AGAM (multi-utility di Monza e Como), ASPEM (Varese) e AEVV (Sondrio e Valtellina). "Partner" industriale dell'intera operazione è A2a.
Tempi: i Comuni interessati, attraverso i Consigli comunali, dovrebbero votare le linee di indirizzo della "partnership" entro il mese di dicembre. L'approvazione del progetto di fusione da parte dei consigli di amministrazione delle società è prevista per fine gennaio 2018. Per poi definire il tutto nel mese di marzo.
I promotori della fusione parlano di un'occasione straordinaria di crescita, di un'aggregazione necessaria, di un passaggio fondamentale per difendersi in un mercato destinato alla concorrenza.
Il Comitato lecchese per l'acqua pubblica e i beni comuni, al contrario, ha sollevato non poche perplessità. L'ha fatto studiando i bilanci delle società coinvolte, i loro patrimoni e le performance economiche. Giungendo a conclusioni interessanti, sia di metodo sia di merito. Ai Comuni, secondo il Comitato, sarebbero stati sottoposti documenti incompleti e poco chiari e la fusione rischia concretamente di sfavorire pesantemente il territorio di Lecco a favore degli interessi di mercato di A2a e delle sue controllate (ACSM-AGAM su tutte).
Abbiamo chiesto a Remo Valsecchi, commercialista e membro del Comitato, di illustrare il "progetto" e di spiegare perché, a suo parere, la "Multi-utility del Nord" fatta in questo modo è a dir poco problematica per i cittadini. Ci permettiamo di segnalare a voi e ai vostri lettori le prime cinque pillole (http://www.quileccolibera.net/2017/12/19/multi-utility/, aggiornate al 17 dicembre 2017).

1) L'operazione e l'iter https://www.youtube.com/watch?v=sdvd6b0Ev60
2) I settori interessati e il ruolo dell'Antitrust https://www.youtube.com/watch?v=-aOoN9-Y65s
3) A chi conviene la fusione https://www.youtube.com/watch?v=rMKnq_1jYag
4) Le carenze del progetto https://www.youtube.com/watch?v=rsmKMmWfqek
5) Sulle informazioni fornite ai Comuni https://www.youtube.com/watch?v=9tGVAbANoKk
Qui Lecco Libera
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco