Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 238.868.847
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 26 dicembre 2017 alle 18:13

Sirone: il presepe di casa Molteni a San Benedetto si rinnova con nuove creazioni

Via vai di visitatori in frazione San Benedetto a Sirone. Anche quest'anno Maurizio Molteni, membro del gruppo alpini e la nipote Barbara stanno ricevendo numerose visite di concittadini o semplici curiosi che vogliono ammirare dal vivo la loro annuale fatica.

Barbara e Maurizio


L'accoglienza è da subito calorosa e trasporta nell'atmosfera natalizia grazie agli addobbi artigianali che adornano la casa. Il vero protagonista, però, ormai è noto, è il presepe che occupa l'intera veranda sotto la quale d'estate si cerca riparo dalla canicola.

A partire dal mese di ottobre lo spazio diventa un tutt'uno con l'ambiente interno, separato soltanto dall'ampia vetrata che ne fa da cornice e resterà così fino a febbraio. Quest'anno il presepe è stato completamente rinnovato rispetto alle "edizioni" precedenti: pur mantenendo sempre l'utilizzo di tronchi di legno, è stata eliminata la finitura superiore con le pannocchie e sono state lasciate soltanto rami d'albero per uniformare la costruzione.

Sono state create nuovi caseggiati attraverso delle scatole di cartone da riciclo: con questo nuovo metodo è stata messa a punto anche la chiesa che, in alto sulla sinistra, spicca per il campanile, la meridiana e l'affresco sulla parete esterna. I toni dominanti del presepe restano sempre quelli del marrone e del verde con le cortecce, il muschio e piccole zolle di terra. 

Invariato invece il gioco delle luci che permette di valorizzare il manufatto artigianale sotto ogni aspetto: con la grande luce proiettata direttamente sul presepe, si possono ammirare tutti i dettagli e i piccoli personaggi che animano la composizione, mentre quando le piccole luci si accendono creano una dimensione più magica, come è appunto quella dell'attesa di Gesù Bambino.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco