Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 246.975.438
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 19 gennaio 2018 alle 17:18

Colle: in ricordo di Padre Antonio Bonanomi

Spettabile redazione,
mi sono imbattuto nel nome di Antonio Bonanomi per caso. Navigavo su siti latinoamericani. Navigavo non alla cieca ma cercando, e trovando, voci e riferimenti di popoli indigeni in lotta per difendere la propria dignità.
E così partendo dal Messico Zapatista, sono approdato in Colombia, un viaggio virtuale ma molto, molto appassionato.
Ho trovato questo dolente comunicato riguardo la scomparsa del sacerdote https://nasaacin.org/el-padre-antonio-bonanomi-vive-en-el-corazon-del-movimiento-indigena-del-cauca/
Essendo un militante internazionalista ho avuto un sobbalzo: ero quasi certo, con quel cognome, si trattasse di un Brianzolo.
Ed ecco la conferma.
Oltre la giusta celebrazione della sua memoria, vi segnalo questo sito del suo popolo, gli indigeni del Cauca, il modo fiero, semplice, con il quale piangono questa persona. Il suo coraggio, la sua determinazione. Parole che sottintendono come il Padre non si sia piegato alle logiche di morte e di violenza che insanguinano la Colombia da decenni e che solo ora, pare, arrestino la loro scia di sangue.
Per scrivere così, per piangerlo così, Padre Antonio deve avere avuto tutta la fiducia e la stima del suo popolo.
Qualunque aiuto voi, dalla Brianza abbiate inviato, è stato dunque ben speso.
Incredibile come questa Brianza dipinta spesso con le fosche tinte di un razzismo e di un pensar solo ai danèe, cosa abbia saputo partorire.
Forse Padre Bonanomi non diventerà mai celebre nè sarà mai canonizzato. Poco importa o nulla importa.
Ha vissuto da uomo libero, amando e venendo amato in una situazione difficile in una terra che non era la sua ma lo piange.
Ai suoi familiari, a quanti lo hanno sostenuto, un grazie anche da me.
Articoli correlati:
08.01.2018 - Colle B.za: è morto Padre Antonio Bonanomi, missionario della Consolata in Colombia
Teodoro Margarita, Asso
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco