Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.403.695
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 31/10/19

Lecco: V.Sora: 32 µg/mc
Merate: 42 µg/mc
Valmadrera: 32 µg/mc
Colico: 35 µg/mc
Moggio: 68 µg/mc
Scritto Sabato 03 febbraio 2018 alle 09:54

Greppi: tra fisica e giocoleria e lettura di Colazione da Tiffany

Nel solco di un impegno costante del Greppi, nel sottolineare l'importanza della cultura scientifica per comprendere la complessità della vita ed essere cittadini attivi e consapevoli, si è svolto venerdì uno spettacolo animato da uno straordinario Federico Benuzzi sulla Fisica Sognante.


L'assunto da cui il prof. Benuzzi muove è il ritenere "che uno dei problemi più grandi in Italia oggi, causa di molti dei mali della penisola, sia il disamore verso la cultura scientifica. Questi lavori per combattere tale tendenza di gentiliana memoria" che autorizza chiunque, i cosiddetti "opinionisti a tempo pieno", a divulgare idee pseudoscientifiche talvolta risibili, ma anche molto pericolose.
Su un palcoscenico abbastanza spoglio (due tavoli, pochi oggetti da giocoliere ed un pc) Federico Benuzzi, professore-giocoliere-attore ha messo in evidenza i collegamenti che ci sono tra fisica e giocoleria alternando esibizioni tecniche di alto livello e coreografate a spiegazioni scientifiche immediate e leggere, monologhi teatrali ad improvvisazioni, video ad immagini animate. In tal modo studio e impegno assurgono a momenti irrinunciabili nella formazione del singolo e nella crescita del senso del bello.


I tanti esempi presi dalla vita comune ma fuori dall'ordinario, la ricerca sulla parola, lo studio sulla brevità delle dimostrazioni e dei ragionamenti e la grandissima energia del personaggio hanno reso la conferenza-spettacolo leggera e divertente ma al tempo stesso estremamente formativa, densa, immediata e comprensibile.
NOTE BIOGRAFICHE

Federico Benuzzi è laureato in Fisica, specializzato SSIS per l’insegnamento della Fisica e della Matematica e professore di ruolo presso il Liceo Laura Bassi di Bologna.
Volontario presso la Casa dei risvegli, amici di Luca de Nigris (dal 2011 ad oggi);
Come attore si è  diplomato alla Scuola di Teatro Colli ed è stato protagonista de Il sogno del pagliaccio addormentato, Romeo e Giulietta, L’ultima ruota del carro, I proverbi sono controsostantivi, Gentlemen, …
Fisica Sognante è stata ospite, tra l’altro, di: Festival della Scienza di Genova, Festival della Mente di Sarzana, La Scienza in piazza di Bologna, L’Isola di Einstein sul lago Trasimeno, Festival della Scienza di Bergamo, i festeggiamenti per i 150’anni d’Italia, i festeggiamenti per il semestre di presidenza italiana dell’Europa, l’open-day del Centro Comunitario di Ricerca di Ispra, il convegno nazionale dell’Associazione italiana per l’Insegnamento della Fisica (AIF), la Scuola di formazione per le olimpiadi della fisica OLIFIS, le Olimpiadi della matematica Kangaro.
Anche la scrittrice Caterina Bonvicini è stata ospite del Greppi e, nell'ambito del progetto "Piccoli maestri", sostenuto con convinzione dal prof. Lorenzo Zumbo, ha proposto una lettura critica del celebre romanzo di Truman Capote, "Colazione da Tiffany". Di fronte ad un pubblico attento e partecipe, la relatrice ha snocciolato personaggi, ambienti, situazioni topici del romanzo coinvolgendo e sollecitando l'uditorio a intervenire e confrontarsi. Nel corso del dibattito i ragazzi si sono inaspettatamente mostrati ancora più interessati al mestiere di scrittore e ai suoi segreti, che la Bonvicini ha con estrema generosità rivelato.


Ha sfatato il mito dello scrittore ispirato e geniale che produce di getto, sottolineando la fatica e l'impegno quotidiano di fronte alla pagina bianca. Dal lavoro di editing, giornalista di importanti testate nazionali al mestiere di scrittore il passo è stato breve quanto mai necessario per lei. Fare solo lo scrittore è un lusso, e forse uno spreco, per chi può fare della letteratura anche un impegno sociale. Proprio per questo, lo scrittore ha bisogno di pubblico e la scuola è un fertile terreno ancora vergine. A tal fine è nato il progetto "Piccoli maestri", un'associazione di scrittori e scrittrici che si recano nelle scuole, gratuitamente, a raccontare e leggere libri, "quelli più belli, imprescindibili, quelli che non vogliamo siano dimenticati. È il nostro regalo, un modo speriamo per contagiare l'amore per la lettura, perché tanto i libri - poche chiacchiere! - non finiranno" .

NOTA BIOGRAFICA

Caterina Bonvicini vive e lavora fra Roma e Milano; è cresciuta a Bologna dove si è laureata in Lettere Moderne all'Università di Bologna. Dal 1999 al 2006 ha vissuto a Torino, dove ha lavorato per la casa editrice Einaudi. Dal 2012 al 2016 ha collaborato con Il Fatto Quotidiano. Dal 2016 collabora con L’Espresso e con Robinson, La Repubblica. Ha pubblicato con Einaudi i romanzi Penelope per gioco (2000)), Di corsa (2003) e la raccolta di racconti I figli degli altri (2006). Nel 2010 esce Il sorriso lento (Garzanti) che nel 2011 vince il Premio Bottari Lattes Grinzane e viene tradotto in Francia (Gallimard, 2011) e in Olanda (De Geus, 2012). Nel 2014 esce Correva l'anno del nostro amore (Garzanti), tradotto in Francia (Gallimard, 2016) e in Germania (Fischer Verlage, 2016). Nel 2016 pubblica Tutte le donne di (Garzanti). Ha scritto anche due romanzi per ragazzi.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco