Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.470.642
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 31 agosto 2018 alle 21:10

Incontro Fontana- AD. di Ferrovie: la montagna ha partorito il topolino

Antonio Gilardi
E' notizia di poche ore fa che dal tanto atteso incontro tra il Governatore Fontana ed il neo Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Gianfranco Battisti in merito al futuro di Trenord si è ottenuto un risultato importantissimo e risolutivo per il futuro dei pendolari lombardi: 9 treni usati (sottolineo USATI) in più da immettere sull'intera linea ferroviaria lombarda e ben 20 dipendenti distaccati (sottolineo distaccati) tra macchinisti e controllori.
Gli aggettivi trionfalistici utilizzati sono naturalmente ironici: se si pensa che la flotta di Trenord oggi è composta da 462 treni e che il personale ammonta a 4.109 dipendenti, che volete che siano 9 treni, tra l'altro usati, e 20 dipendenti distaccati?
Dopo mesi di trattative serrate in materia di futuro della governance societaria e di ipotetici passaggi di quote azionarie tra le Ferrovie Nord Milano e Trenitalia (i due soli azionisti al 50% di Trenord), questo pomeriggio si è scelto di mettere il tutto in naftalina e di proseguire sulla stessa strada degli ultimi anni come se nulla fosse.
Nel precedente intervento ero stato molto critico circa l'ipotesi di ritorno al passato con due gestori diversi sulla stessa linea, ma l'immobilismo di oggi è forse ancora peggio. Come si può pensare di risolvere i problemi dei pendolari, che tra qualche giorno torneranno a prendere in massa i treni per lavoro e studio, con il prestito da parte di altre Regioni di 9 treni usati e 20 tra macchinisti e controllori distaccati? Se negli ultimi 10 anni sono stati cambiati ben 4 amministratori delegati, è un problema solo della scarsa professionalità e/o incapacità dei manager incaricati (tra l'altro nominati dalla Giunta regionale) o anche e soprattutto delle ultime scellerate scelte di indirizzo politico di Regione Lombardia?
La decisione presa oggi, più che un intervento risolutivo, mi sembra una cura palliativa somministrata ad un malato terminale che sta inesorabilmente compiendo l'ultimo miglio della propria vita. Peccato che spettatori paganti di questo viaggio siano migliaia di pendolari che sono costretti a subire, incolpevolmente, continui ritardi, soppressioni e condizioni di vita a volte disumane!
Antonio Gilardi - Ex Vice Sindaco Olginate e pendolare
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco