Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.082.649
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 03 settembre 2018 alle 19:34

Casatenovo: la brillante carriera calcistica dei gemelli Carlo e Lorenzo Pirola che militano nelle giovanili di Toro e Inter

Carlo e Lorenzo Pirola: due gemelli con la passione per il calcio. Lo sport è sempre stato al centro della vita dei fratelli di Casatenovo che hanno frequentato per anni le stesse società sportive, divertendosi a giocare tra di loro nel giardino di casa.
A dare la spinta ai due a cimentarsi nel rettangolo di gioco è stata la famiglia, in particolare il padre ed il nonno Ezio che, appassionati anche loro di calcio, hanno spronato e poi sostenuto in ogni occasione i giovani calciatori casatesi che non perdono occasione per ringraziare i genitori per la grande possibilità che gli hanno offerto: realizzare il loro sogn

Lorenzo Pirola

Carlo e Lorenzo hanno iniziato a frequentare una scuola calcio nel 2008, all'età di sei anni. Nell'allora Casatese hanno incontrato il loro primo allenatore, Natale Redaelli, che ancora oggi ricordano con affetto e gratitudine; con il trasferimento di quest'ultimo a Missaglia, l'anno successivo, i gemelli lo hanno seguito frequentando lì gli allenamenti per i quattro anni successivi. La loro carriera insieme si è conclusa nella società sportiva COSOV di Villasanta dove entrambi si sono allenati per un anno, ovvero fino all'estate 2014: da allora le strade di Lorenzo e Carlo si sono separate: il primo ha vestito la maglia della società barzanese Luciano Manara, mentre il fratello ha iniziato a giocare nel Como.

VIDEO



La svolta per Lorenzo c'è stata proprio durante un torneo disputato tra le fila dei ''bersaglieri'' nel maggio 2015 contro alcune società blasonate tra cui Inter, Novara, Renate. Dopo aver battuto quest'ultima, la squadra del giovanissimo casatese si è scontrata in finale contro l'Inter che però, li ha sopraffatti. "In entrambe le partite ho giocato bene" ci ha confidato Lorenzo. "Successivamente i membri della società neroazzurra hanno cercato informazioni su di me e mi hanno proposto un provino, ovvero un allenamento con i ragazzi dell'Inter al quale mi ha accompagnato Roberto Fumagalli, il mio preparatore atletico dell'epoca alla Manara. Da lì mi hanno offerto la possibilità di entrare a far parte della loro società".



Carlo Pirola

Nella vita privata il calcio influenza molto la vita dei gemelli Pirola, perché sottrae tempo sia allo studio, sia alla vita sociale: gli allenamenti e la partita impongono infatti una quotidianità piuttosto rigida. Nonostante questo, appena possono entrambi i giovani sportivi dedicano del tempo ad uscire con i loro amici.
Il primo successo di Lorenzo risale a quest'anno, quando con la squadra Under 16 dell'Inter si è aggiudicato il campionato di categoria contro la Juventus nella finale di Ravenna giocata il 22 giugno e conclusasi con uno schiacciante risultato di tre a zero, che ha riscattato la delusione del campionato scorso.
''All'inizio mi dicevano: in tanti vogliono fare i calciatori da grandi, ma non tutti ci riescono'' ci ha detto Lorenzo
Lorenzo Pirola con la maglia azzurra
Pirola. ''Nonostante questo, piano piano, sono passato da una categoria all'altra e sono arrivato fino ad oggi soddisfatto del mio percorso, delle mie scelte. Proprio una di queste decisioni - ha proseguito il giovane difensore - mi ha messo molto in crisi, ovvero quando ho partecipato ad un provino sia per il Como, sia per l'Inter ed entrambe le squadre mi hanno reputato idoneo ad entrare a far parte della loro rosa giovanile. Di fronte a questa scelta ho avuto molte perplessità, dato che il passaggio alla squadra milanese avrebbe richiesto un impegno massiccio sia dal punto di vista degli allenamenti che del livello di preparazione di coloro con cui mi sarei dovuto scontrare. Nonostante questi dubbi, ho raccolto le mie forze e mi sono buttato scegliendo l'Inter, accorgendomi poi di aver fatto la scelta giusta''.
Seppur l'impegno richiesto sia grande e il carico di lavoro intenso, c'è una cosa di cui Lorenzo non può fare a meno: l'adrenalina che lo pervade prima delle gara. Un'ansia da prestazione che si disperde con il passare del tempo sino a svanire. Uno dei momenti più importanti per il giovane casatese è l'analisi personale che svolge dopo ogni partita rivedendo i suoi errori e cercando di capire dove è possibile migliorare.
"L'essere parte di una squadra ha sia lati positivi che negativi" ha proseguito Lorenzo Pirola parlando della sua esperienza nelle varie società di cui ha fatto parte. "Infatti prima della partita si condivide la tensione, ma nonostante ciò durante i novanta minuti si percepisce la pressione delle aspettative che gli altri compagni di squadra ripongono in te, si è quindi sottoposti ad un altro tipo di tensione, quella di deludere i propri compagni di squadra con un errore''.
Tra i molti risultati che hanno riempito Lorenzo di gioia, su tutti ha voluto ricordare la vittoria del campionato appena concluso e la convocazione nella Primavera dell'Inter nonostante l'età ancora molto giovane. Oltre a questi risultati raggiunti in Italia, a livello internazionale ha avuto molte soddisfazioni, una su tutte, la possibilità di confrontarsi con squadre di alto livello provenienti da tutta Europa, viaggiando anche molto.
''Prima vedevo questo sport come un gioco, con il passaggio all'Inter mi sono accorto che era fondamentale avere determinazione per andare avanti e per poter sfondare; dal punto di vista fisico e di disciplina di vita è molto importante dato che è necessario tenere un determinato regime alimentare e frequentare regolarmente gli allenamenti" ha aggiunto il casatese, che spera di fare sempre meglio nella sua esperienza in Primavera, divenendo un calciatore ad alti livelli.

Per quanto riguarda invece il fratello Carlo, sin dall'infanzia si è appassionato al ruolo di portiere, invogliato anche dall'esperienza sportiva del nonno che aveva ricoperto lo stesso ruolo nell'Inter durante la sua gioventù. Decisivo per l'avvio della sua carriera è stato l'incontro con Marco Ferrero, allenatore del Como, che notò tra gli altri le capacità di Pirola e gli propose un provino per entrare a far parte della squadra da lui allenata. "Essere entrato nel Como nel 2016 lo considero il mio primo successo dopo anni di duro allenamento e sacrifici fatti per questo sport" ci ha detto Carlo. ''Oltre ai

Carlo Pirola
miei familiari che ringrazio sempre, vorrei anche ricordare chi mi ha seguito sin dall'inizio e continua a starmi accanto come ha sempre fatto anche Max Pirotta, un amico che mi ha sempre sostenuto nella mia passione per il calcio''.
Parlando della sua esperienza calcistica, Carlo ci ha confidato che ''di grandi limiti non ne ho dovuti superare per fortuna. Più che altro vi è sempre stato un grande piacere a cui ho dovuto purtroppo rinunciare per il calcio: uscire con i miei amici". In questi anni di attività calcistica, Carlo considera il più decisivo a livello personale quello trascorso tra le fila dell'Atalanta: ''sin da quando ho cominciato ad allenarmi con la squadra bergamasca ho compreso di avere delle capacità sopra alla media e che era giusto che io mi impegnassi a metterle in campo e ad affinarle. Oltre all'ambito calcistico, questa avventura mi ha anche insegnato ad essere autonomo, ad arrangiarmi e a farmi rispettare nell'ambiente calcistico che è sempre pieno di insidie che possono mettere a repentaglio il tuo futuro nello sport".
La motivazione di Carlo è molto semplice, ma profonda: ''ogni allenamento è una sfida con me stesso che posso vincere solo dando tutto quello che posso, migliorando così le mie competenze e capacità". Parlando del concetto di squadra, Carlo ci ha confidato il fatto che essa è prima di tutto un sostegno, un aiuto, più che un rischio o un fattore di ansia. ''La squadra è principalmente un aiuto che c'è sempre quando hai bisogno".
Dopo il recentissimo trasferimento a Torino, Carlo aveva timore di non trovarsi bene, data la grande distanza da casa; ha voluto correre un grande rischio ma, anche in questa occasione, è stato accolto a braccia aperte. Un trasferimento avvenuto mediante una vera e propria operazione di calciomercato, ad agosto di quest'anno; un investimento economico che è un evidente segnale della grande fiducia che la società granata ripone nel portiere casatese.

Il calcio ha spesso influito molto sulla vita privata di Carlo infatti, sin da quando si è dovuto trasferire a Torino per poter svolgere gli allenamenti con regolarità, ha purtroppo meno occasioni per vedersi con i suoi amici casatesi e di ciò si dispiace molto per quanto abbia comunque trovato grande sostegno nella sua squadra e società. Dal punto di vista scolastico, dopo il suo trasferimento, continuerà il suo corso di studi presso una scuola di Torino che spera lo sosterrà ed aiuterà a proseguire gli studi nonostante il grande impegno che gli richiede sempre la sua passione.
Nel cambiamento di società come in quello di categoria, Carlo ha percepito un prevedibile aumento dell'intensità degli allenamenti ma anche un incremento della presenza della società nella sua vita date le molte indicazioni a cui si deve attenere, come ad esempio una rigida disciplina alimentare.
Le prossime competizioni sono quelle di campionato, nel quale il casatese vuole, come sempre, dare il meglio di sé, anche se sta maturando il desiderio di giocare nella squadra nazionale, cosa che lui desidera molto. Le sedute di allenamento al Toro sono piuttosto impegnative e si svolgono tre o quattro allenamenti a settimana di cui buona parte sono svolti separatamente dalla squadra, e dedicati ai soli portieri. "Ho sempre disiderato imitare mio nonno che già prima di me ricopriva questo ruolo nell'Inter".

Abbiamo infine chiesto a Carlo cosa il calcio è in grado di offrirgli che non ha mai trovato altrove: "questo sport mi dà grandissime soddisfazioni perché faccio quello che mi piace e comprendo che anche quando va male, quando devo affrontare delle difficoltà, tutto ciò, mi fa crescere".
Una bella (e doppia) testimonianza di come lo sport abbia influito sulla vita di ragazzi giovanissimi, rendendoli capaci di cose grandi sia per loro come per tutti coloro che li circondano.

Giovanni Pennati
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco