Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 326.941.421
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 27 gennaio 2019 alle 14:20

Castello B.za: per il rogo della gibiana, letture per i bambini

La gibiana non ha avuto scampo ieri sera a Castello: l'amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Aldo Riva, ha radunato tutte le famiglie del paese a Prestabbio, nell'area delle feste, per scacciare le paure provocate dalla vecchia strega con tante usanze della tradizione.

I bambini hanno dapprima disegnato su un foglio ciò che più li spaventava, poi hanno ascoltato una leggenda sulla gibiana, che camminava sulle sue lunghe gambe per i boschi, divorando chiunque trovasse sul suo cammino. Per difendere la propria figlia, una madre preparò del risotto con salsiccia, in modo da distrarre la strega.

VIDEO



Nel frattempo, affamata com'era, la gibiana non si accorse che stava per sorgere il sole: la mamma riuscì così ad allontanare la megera, perché il sole brucia tutte le streghe cattive.

I volontari hanno poi insegnato una bella filastrocca ai bambini, che l'hanno accompagnata con il battito dei loro cucchiai di legno sui pentolini. Infine, tutti i presenti si sono portati al fantoccio della gibiana, con cui sono stati bruciati anche i disegni che ritraevano le paure dei bambini.

Per festeggiare in grande, i volontari hanno preparato risotto e luganega per tutti: ogni anno a Castello si porta avanti questa bella tradizione, per scacciare i pensieri infausti e augurare a tutti un anno migliore.
R.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco