Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.605.909
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 04 marzo 2019 alle 18:54

Molteno: auto causa un doppio incidente, ma gli occupanti fuggono. Ricerche in corso

Hanno causato un doppio incidente, ma invece di fermarsi a prestare soccorso, sono scesi dall'abitacolo della vettura, dileguandosi poi a piedi.

E' in sintesi quanto accaduto poco prima delle ore 17.30 in Via Aldo Moro a Molteno, l'arteria che collega la SS36 alla zona del cimitero e della stazione ferroviaria. Secondo le informazioni raccolte sul posto, una Peugeot 407 station wagon di colore oro avrebbe inizialmente urtato una Fiat Punto condotta da una donna.

Come se nulla fosse, il conducente non avrebbe tuttavia arrestato la marcia, proseguendo invece a tutta velocità verso la superstrada e tamponando poco più tardi la Mercedes Classe A che lo precedeva. Un impatto piuttosto violento, con la vettura urtata andata a schiantarsi contro un arbusto e i cartelli della segnaletica verticale a margine della carreggiata.

Impossibilitati a proseguire la propria marcia, gli occupanti della Peugeot avrebbero così abbandonato l'auto in mezzo alla carreggiata dileguandosi poi a piedi verso la vicina zona industriale.

Sul posto si sono portate alcune pattuglie dei carabinieri delle stazioni di Oggiono e Cremella per gli accertamenti del caso, mentre un'ambulanza della Croce Verde di Bosisio ha prestato le cure necessarie al 51enne conducente della Classe A, rimasto lievemente ferito a seguito della violenta carambola. Le ricerche dei fuggitivi invece, sono ancora in corso.

Al momento non è chiaro il motivo alla base della volontaria fuga dei due.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco