Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.919.949
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Martedì 26 marzo 2019 alle 16:40

La discarica di Mariano va chiusa definitivamente, altro che proroghe!

Siamo molto preoccupati per il gravissimo incendio verificatosi oggi presso la discarica di Mariano Comense. Oltre ad esprimere apprensione per l'operatore ferito, la nostra preoccupazione è rivolta alle conseguenze ambientali e sanitarie che l'incendio potrebbe aver causato.  

Intatti, in attesa di capire quali siano state le cause dell'incendio (se doloso o meno), vanno valutati i danni ecologici e sanitari. L'incendio dei rifiuti è una delle attività più dannose per l'ambiente e per la salute umana: infatti dalla combustione incontrollata di rifiuti si possono sviluppare sostanze tossiche, tra cui le pericolosissime diossine. Inoltre denunciamo che quello verificatosi oggi a Mariano è solo l'ultimo di una serie di incendi: i precedenti si erano verificati a febbraio dello scorso anno. Allora ci eravamo premuniti di chiedere informazioni agli Enti preposti (ARPA, Provincia, Comune), senza però ricevere risposte esaustive sulle cause e sulle conseguenze dell'incendio di un anno fa. Inoltre la "casualità" di questo incendio, verificatosi a pochi giorni dalla chiusura definitiva della discarica, ci pone forti dubbi.  

Per questo lanciamo questo appello agli Enti di controllo. Anzitutto si verifichino con dovizia i danni sull'ambiente (sulla qualità dell'aria, ma anche in relazione alle ricadute al suolo) e sulla salute umana. E contemporaneamente deve essere effettuata un'indagine seria sulle cause dell'incendio, a partire dalle modalità di conduzione delle attività di conferimento rifiuti di questi ultimi giorni. Infatti, se anche dovesse essere accertata la non dolosità dell'incendio, la condizione atmosferica di questi ultimi giorni (secco, unito al vento) doveva necessariamente prevedere estrema attenzione e perizia nelle fasi di conferimento e di movimentazione dei rifiuti presso la discarica.  

Chiediamo pertanto alle Istituzioni e agli inquirenti di fare luce al più presto sulle cause e sulle conseguenze dell'incendio in discarica. Discarica che, lo ripetiamo, doveva essere CHIUSA già anni fa! Malauguratamente si è preferita la strada delle proroghe, che hanno comportato questi pericolosi incendi!  

Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente "Ilaria Alpi"  www.circoloambiente.org
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco