• Sei il visitatore n° 344.916.856
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 28 marzo 2019 alle 14:33

Garbagnate: area feste in viale Brianza. Approvato il permesso di costruzione

Via libera alla costruzione dell'area feste in viale Brianza a Garbagnate Monastero. L'amministrazione comunale, riunita in assise nella serata di martedì 26 marzo, ha infatti deliberato il permesso di costruire in deroga.

Il consiglio comunale riunito l'altra sera a Garbagnate

"L'area oggetto di intervento è già destinata ad attrezzature sportive. Verrà realizzata una struttura uguale alla sede degli alpini dalla quale disterà due metri. Sarà usata come centro ricreativo e area di ritrovo per gli anziani" ha spiegato il sindaco Sergio Ravasi, lasciando la parola al responsabile dell'ufficio tecnico Emilio Tansini che ha fornito chiarimenti tecnici.
Il comune risulta proprietario della superficie oggetto di intervento. Nel novembre 2017 era stato concesso il diritto di superficie per 50 anni agli alpini per la costruzione della loro sede. Tale convenzione era stata sottoscritta nell'aprile 2018 con il permesso di costruire in deroga.
Il 18 ottobre 2018, inoltre, il consiglio comunale aveva approvato una convenzione con due società che hanno immobili produttivi in via Europa (Novacart SPA e Gestim SPA). Tale convenzione, sottoscritta lo scorso febbraio, prevede la realizzazione di una struttura "a stato rustico avanzato" a fronte della quale è stato presentato il permesso di costruzione. La pratica, già licenziata dalla commissione paesaggio, è stata depositata a inizio marzo presso gli uffici.

I consiglieri di minoranza Maurizio Fumagalli, Mauro Colombo e Ilaria Villa

Il capogruppo di "Tradizione e futuro" ha contestato la mancanza del computo metrico nella delibera: "Ci viene chiesto di approvare un'opera senza un valore. Inoltre, a questa struttura a stato rustico, mancheranno l'impianto elettrico, di riscaldamento e i pannelli fotovoltaici. Sono una maggiore spesa che dovrà sostenere la prossima amministrazione. Nei 90.000 euro previsti nello schema di convenzione c'è la possibilità di ricavare dagli sconti una parte di risorse per coprire questi interventi?".
Tansini ha replicato che la parte economica è legata alla convenzione di cui è parte integrante. Quanto al progetto vero e proprio ha aggiunto: "All'inizio avrebbe dovuto essere realizzata solo una tettoia come estensione della sede degli alpini. In un secondo momento sono state previste la chiusura perimetrale delle facciate e le finestre. Se dovessero esserci economie, in fase esecutiva predisporremo gli allacciamenti".

Emilio Tansini

La consigliera d'opposizione Ilaria Villa ha contestato il progetto. "Nel mese di marzo nella sede degli alpini si sta già con le mezze maniche. Non immagino come si possa stare in quella struttura in estate senza un condizionatore. Non sarebbe forse stato più consono inserire un'apertura sulla facciata? Per gli eventi estivi sarebbe forse stato meglio avere solo la tettoia e non fare una struttura interamente chiusa".

L'altro consigliere d'opposizione Maurizio Fumagalli ha chiesto spiegazioni sulla presenza di due strutture identiche a distanza di due metri. "La commistione pubblico-privato ci obbliga a rispettare una distanza" ha replicato il primo cittadino.
I due gruppi di minoranza si sono astenuti in fase di votazione.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco