Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.134.816
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Sabato 27 aprile 2019 alle 16:49

La missagliese Sofia vince il campionato con la Juve. In attesa della finale di Coppa Italia

C'è anche una giovanissima missagliese fra le protagoniste della seconda vittoria della Juventus nel campionato italiano di calcio di serie A femminile. Si tratta della ventenne Sofia Cantore, calciatrice tesserata ufficialmente nella società bianconera dalla stagione 2017-2018, che nella giornata di sabato 20 aprile ha conquistato insieme alle compagne di squadra lo scudetto nell'ultima giornata di campionato a Verona, grazie ad un formidabile 3-0. La soddisfazione e l'entusiasmo per la vittoria sono stati ancor più valorizzati ed amplificati dal fatto che la sfida contro Milan e Fiorentina per il primo posto in classifica è stata una delle più agguerrite, considerando i minimi punti di distanza che hanno separato le tre squadre nel corso del campionato.

La missagliese Sofia Cantore

"Sono stata ferma all'inizio di questa stagione sportiva e non ho potuto giocare per circa sei mesi a causa di un infortunio al crociato nel giugno dell'anno scorso, durante un allenamento. Mi sono operata e ho seguito una lunga riabilitazione ma non ho mai smesso di sostenere le mie compagne. Non vedevo l'ora di scendere di nuovo in campo con loro. Sono tornata a giocare a febbraio in una partita di ritorno di Coppa Italia, segnando proprio al rientro e questo mi ha sicuramente dato la carica per continuare a dare il meglio. A livello di squadre avversarie è stato un campionato più competitivo del solito e quindi tutto si è deciso proprio nel corso dell'ultima giornata. All'inizio di quest'anno abbiamo fatto forse un po'di fatica a prendere il ritmo con l'intensità del campionato, soprattutto dopo la prima sconfitta contro il Milan, ma con la successiva vittoria contro la Fiorentina abbiamo riacquistato tutto il morale e la voglia necessaria per portarci a casa una bellissima vittoria" ci ha raccontato la Cantore, originaria della frazione di Lomaniga, esprimendo il forte desiderio di tutta la squadra nel voler trionfare anche in occasione della finale di Coppa Italia che si terrà domenica 28 aprile contro la Fiorentina.

Alcune immagini dei meritati festeggiamenti

Vivendo a Torino insieme alle proprie compagne (tra cui figura anche un'altra lecchese, Vanessa Panzeri, originaria di Costa Masnaga ndr), per Sofia il rapporto con le altre giocatrici si è sviluppato nella direzione di un vero e proprio legame di amicizia e quasi famigliare che è stato supportato anche dalla condivisione delle medesime esperienze, soprattutto con chi già conosceva grazie alla militanza nella nazionale italiana under 17.

"Il salto di qualità nella mia esperienza calcistica l'ho avuto quando sono stata chiamata insieme a una mia compagna, Benedetta, con cui militavo nel Monza in serie C, a giocare in serie A, in uno dei club più importanti d'Italia e fin da subito sono stata davvero felice di poter crescere in un ambiente così stimolante come quello della Juventus. A volte mi sembra quasi di vivere un sogno perché nel contesto femminile è difficile trovare un team così organizzato come quello in cui mi sono ora e gli allenamenti che ho avuto l'opportunità di seguire sono stati sicuramente di un livello superiore rispetto a quelli di altre situazioni calcistiche. Il calcio femminile in Italia è visto come uno sport praticato a livello dilettantistico e quindi gli squilibri con il calcio maschile sono molto profondi'' ci ha confessato Sofia Cantore. ''Da circa tre anni però, le società si stanno muovendo per cercare di promuovere il riconoscimento del calcio femminile in quanto categoria autonoma e professionale. Quest'anno ci sarà il mondiale femminile e ovviamente sarà molto più seguito rispetto alle edizioni passate, soprattutto perché dopo vent'anni noi donne siamo riuscite a qualificarci in questa competizione internazionale. Un altro evento importante che ha segnato quest'anno è stato registrato nella partita che abbiamo giocato contro la Fiorentina nella partita di ritorno di campionato, che si è tenuta nell'Allianz Stadium di Torino e che ha registrato un numero record di 40.000 spettatori. Tutti questi piccoli risultati dimostrano come il movimento a favore del riconoscimento professionale del calcio femminile si stia muovendo in una direzione sempre più ampia e vicina al raggiungimento di questo obiettivo" ha concluso la giovane missagliese, esprimendo ancora una volta la propria soddisfazione per i tanti risultati raggiunti fino ad oggi, a dimostrazione dell'impegno speso e della forte passione che nutre fin da bambina verso il mondo del calcio.
Martina Besana
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco