Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.921.683
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Lunedì 29 aprile 2019 alle 15:26

25 Aprile: siamo sulla buona strada!!

Ho sempre sostenuto che il 25 Aprile debba diventare per noi Italiani una Festa Nazionale vera come lo è il 14 Luglio per i Francesi.

Chi conosce la Francia sa che il 14 Luglio è sacro e la gente fa festa in qualunque posto si trovi , magari scendendo in piazza con una bottiglia di Champagne e ballando per strada.

Tutti, indistintamente , comunque la pensino politicamente!

Quest'anno in Italia abbiamo fatto - da questo punto di vista - un bel passo in avanti e forse nemmeno ce ne siamo accorti.

I Partiti di Governo sono del tutto nuovi : un cambio generazionale!

E' nuovo il Movimento 5Stelle che ha condotto in prima persona tutte le manifestazioni istituzionali.

E' nuova la Lega che ha voluto sottolineare la necessità non solo di commemorare ma anche di fare.

Ma in realtà la Lega - e di questo gliene dobbiamo dare atto - ha già fatto molto rinunciando ad essere "separatista" per diventare un partito nazionale come gli altri.

Ha allontanato così definitivamente il rischio che il paese Italia si potesse spaccare in due.

E questo vale certamente molto di più di tante parole dette nelle piazze ! Se poi quattro nostalgici usano ancora il saluto romano per comunicare non penso sia il caso di preoccuparsi.

Ero a Venezia alla vigilia del 25 aprile e ho scoperto che lì il 25 aprile è anche la Festa di San Marco.

E così in piazza San Marco il 25 aprile c'erano tutti sia quelli che si sentivano più italiani che veneti sia quelli che si sentivano più veneti che italiani.

E mi auguro infine che, come in Francia non c'è bisogno di riesumare gli odi e gli orrori della Rivoluzione per festeggiare il 14 luglio, cosi da noi non ci sia più bisogno di mandare i nostri bambini a Marzabotto per festeggiare il 25 aprile!!
Antonio Conrater
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco