Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.031.187
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Domenica 30 giugno 2019 alle 08:18

Molteno: ampliamento del centro sportivo. Discussa l’interrogazione della minoranza

Interrogazione sulla proposta di project financing relativa al centro sportivo comunale della frazione Coroldo a Molteno. Il testo, presentato dal gruppo di minoranza "Progetto per Molteno", è stato discusso nella seduta di venerdì 28 giugno.
I dubbi dell'opposizione traggono origine dalla proposta di finanza di progetto presentata dall'attuale gestore per realizzare opere pubbliche, nello specifico l'ampliamento del fabbricato esistente con l'aggiunta di un nuovo locale, per un totale di 79.500 euro, a fronte della concessione della gestione per un periodo di 19 anni.

La giunta moltenese. Al centro il sindaco Giuseppe Chiarella

La minoranza ha chiesto all'amministrazione se il project financing può essere applicato a un contratto di concessione vigente fino al 2023, per quale motivo non c'è traccia di questi lavori nel piano triennale delle opere pubbliche e per quali ragioni non è stato permesso ad altri soggetti di avanzare proposte migliorative per il centro sportivo.
Il gruppo si chiede anche se "l'interesse particolare del privato all'ampliamento della struttura non vada a discapito dell'interesse della collettività che trarrebbe maggior beneficio dal miglioramento e implementazione infrastrutturale del centro sportivo, col completamento di quell'area libera destinata all'attività sportiva di tutti i cittadini". In sostanza, fanno chiaramente comprendere di reputare opportuna la creazione di uno spazio attrezzato per l'attività ludica o sportiva piuttosto che prevedere l'ampliamento del servizio ristorazione attualmente presente.

I consiglieri di Progetto per Molteno

"Voglio chiarire subito che la procedura seguita fino a questo punto è regolarissima, così come è regolare che il progetto sia presentato da chi ha attualmente la concessione. Non siamo ancora nella fase di presentazione del progetto. La giunta, il 12 aprile, ha incaricato l'ufficio tecnico di compiere l'istruttoria della pratica. Non abbiamo affidato nulla anche perché non avremmo potuto farlo in questa fase. Quando l'istruttoria sarà completata, l'amministrazione ha la facoltà di far approvare modifiche al progetto che, se non vengono eseguite, portano a bloccare il progetto. Attualmente è tutto sospeso perché l'ufficio tecnico ha chiesto integrazioni documentali: se verrà giudicato meritevole, verrà bandita la gara e chiunque potrà partecipare" ha replicato il sindaco Giuseppe Chiarella, chiarendo che non è stato inserito nel programma elettorale perché si tratta di un'iniziativa privata.
"Abbiamo presentato l'interrogazione per fare in modo che si trovino le soluzioni migliori per il paese e oggi iniziamo ad accendere l'allarme. Il centro sportivo è nato con un'idea precisa: consentire l'attività ricreativa. Non abbiamo potuto subito sviluppare l'area perché è stata un'opera molto costosa, ma crediamo che sia necessario implementare il centro e non aumentare l'offerta di ristorazione che è già buona" ha commentato Ferdinando De Capitani.

Secondo da destra il consigliere ed ex sindaco Mauro Proserpio

Sulla questione è intervenuto anche il consigliere Mauro Proserpio. "Ci sono centri sportivi, anche poco lontano da noi, con offerte più articolate che sono sistematicamente deserti. Noi invece vantiamo una gestione quasi decennale che ha consegnato alla frazione un punto di aggregazione che altrimenti non ci sarebbe stato: si è creato un senso di comunità attorno a quell'immobile e per il paese è stato un valore aggiunto. Lì abbiamo un'offerta di ristorazione accompagnata da un'area verde. È positivo avere strutture belle, ma se sono vuote non so quanto siano efficaci e funzionali".
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco